Beta version

Uova contaminate, si allarga lo scandalo

06/09/2017 | Salute
Ancora un caso legato alla presenza di un insetticida

Il caso alimentare dell’estate, quello delle uova contaminate, torna agli onori della cronoca dopo un po’ di tempo. E’ di oggi la notizia di un aumento del numero degli stati che hanno avuto casi di uova contaminate dall'insetticida fipronil. Oggi diventano ben 45, di cui "26 sono stati membri dell'Unione europea, cui si aggiungono altri 19", ha dichiarato il commissario europeo per la salute, Andriukaitis.

Gli unici Paesi membri non colpiti sono Croazia e Lituania. Tra i paesi extra Ue in cui le uova infette sono state trovate, invece, figurano Stati Uniti, Russia, Canada, Israele, Svizzera, Norvegia e Sudafrica. Il caso, che ha coinvolto per lo più Belgio, Olanda, Germania e Francia, e' emerso a inizio agosto. Proprio da Bruxelles era arrivata per prima, il 20 luglio, la notifica tardiva di pericolo riguardante la sicurezza alimentare delle uova. Sempre nello stesso posto si riuniranno, il prossimo 26 settembre, i ministri dei paesi coinvolti per discutere di come evitare nuovi scandali simili.