Beta version

Un manuale per etichettare i prodotti alimentari

09/01/2012 | Editoria
Orientarsi tra le etichette non è sempre agevole. Ma che cosa impone la legge? Quali fattispecie sono obbligatorie? E' uscito un volume che potrebbe aiutarci a fare chiarezza.

Il tema di come etichettare correttamente i prodotti agroalimentari,  che i consumatori trovano sugli scaffali dei supermercati, diverrà più che mai di attualità nelle prossime settimane,  allorquando saranno emanate da Bruxelles le nuove norme in materia.

Le corrette modalità di etichettatura dei prodotti agroalimentari sono una garanzia per i consumatori per essere informati in maniera non ingannevole sulla natura e sulle caratteristiche merceologiche del prodotto che acquistano, ma servano anche a tutelare i produttori da forme di concorrenza sleale da parte di altri produttori che riportano indicazioni non corrette e non corrispondenti alle caratteristiche dei prodotti che pongono in vendita.

La legislazione comunitaria e quella nazionale affinano sempre più la normativa di riferimento con un occhio al consumatore e uno al produttore in modo da realizzare un’etichettatura il più possibile trasparente e non ingannevole. Nel momento in cui il dibattito si farà più serrato, per potervi partecipare consapevolmente, è necessario conoscere preventivamente lo stato attuale della legislazione comunitaria e nazionale in materia di etichettatura dei prodotti agroalimentari, nonché quella sanzionatoria con gli adeguati riferimenti giurisprudenziali.

Per fornire questo necessario ed utile aggiornamento giunge nelle librerie quanto mai tempestivo il volume dal titolo “L’etichettatura dei prodotti agroalimentari” che Giuseppe Fugaro e Fabio Giuseppe Lucchesi hanno pubblicato per le edizioni “Edagricole” del Gruppo “ilsole24ore”.

Infatti il libro fa il punto sulle norme comunitarie e nazionali vigenti in materia di etichettatura riferite ad una vasta gamma di prodotti agroalimentari che vanno dall’olio di oliva, alla carne bovina e di pollame, ai prodotti lattiero caseari, alle uova, per finire con il miele, il cioccolato e da ultimo le piante officinali i cui utilizzi alimentari oltre che terapeutici, vanno sempre più diffondendosi.

Il volume non si limita però a esporre, in maniera puntuale e comprensibile le varie norme contenute nei provvedimenti legislativi e nelle disposizioni applicative, scritte spesso in “burocratese” e quindi incomprensibile ai più, compresi gli addetti ai lavori, ma presenta anche le nuove norme che sono in discussione a Bruxelles e che fra qualche settimana diverranno regolamenti.

Il volume, aggiornato ad agosto 2011, costituisce quindi un valido strumento per consumatori e addetti ai vari settori della filiera agroalimentare per leggere le nuove norme e comprendere come modificano o si raccordano con quelle esistenti. Gli autori sono la migliore garanzia per ritenere valido il libro “L’etichettatura dei prodotti agroalimentari” in quanto Giuseppe Fugaro è stato tra l’altro dirigente dell’Ispettorato per il controllo della qualità e la repressione delle frodi del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali; Fabio Giuseppe Lucchesi è un brillante avvocato cassazionista del Foro di Roma particolarmente stimato per la sua competenza in materia di diritto agroalimentare e lo dimostra anche con l’ampia trattazione che fa nel volume appena pubblicato, delle norme sanzionatorie e dei relativi casi giurisprudenziali. Lucchesi peraltro ha già pubblicato sempre in materia agroalimentare il volume “Tutela delle Dop” (Ed.Anicia S.r.l. 2009) con una dettagliata analisi giuridica e legale sulle produzioni a marchio garantito.

A completamento e a conferma dell’interesse che il volume suscita vi sono le due prefazioni rilasciate, rispettivamente,  dall'ex Ministro per le politiche agricole alimentari e forestali, Saverio Romano e dal direttore generale del CRA, il Consiglio per la Ricerca in Agricoltura, Giovanni Lo Piparo che è stato in passato Direttore generale dell’Ispettorato per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari e la repressione delle frodi.

Entrambi gli illustri presentatori del volume “L’etichettatura dei prodotti agroalimentari” si soffermano sulla validità ed utilità del ponderoso lavoro che incontrerà il plauso di tutti i soggetti che quotidianamente operano nel settore e potrà rappresentare per il futuro un testo di riferimento sul quale, e con il quale, ciascuno potrà facilmente ed utilmente confrontarsi.