Beta version

Trentino: riparte “Scampagnate in fattoria”

30/03/2012 | Realtà locali
Donne emancipate e sempre più protagoniste nelle aziende agricole trentine. La terza edizione di Scampagnate in fattoria.

E’ una realtà significativa e in crescita ancorché poco conosciuta quella delle donne nel settore agricolo. I ruoli della ruralità sono ancora considerati prevalentemente maschili, anche a livello sociale.

Ma in Trentino, ad esempio, il 70% circa delle 1.500 donne impiegate in questo settore è costituito da lavoratrici autonome, mentre solamente il 30% da dipendenti. Un dato che ci parla di un’emancipazione della donna e di un suo nuovo protagonismo imprenditoriale, molto più elevato della media nazionale (40%) e di gran lunga superiore al tasso di imprenditorialità femminile riscontrabile in altri settori (industria, commercio ecc).

Ma anche di un radicale cambio di mentalità, dalla donna “obbligata” per necessità a seguire il lavoro dei campi alla nuova generazione della scelta consapevole, con tutto il suo portato di nuove conoscenze e preparazione tecnica. Proprio per onorare l’universo rosa, la Provincia di Trento promuove per il terzo anno l’iniziativa “Scampagnate in fattoria”, un modo per avvicinare la gente, soprattutto i più giovani, al mondo dell’agricoltura, ai sapori genuini, al mangiare sano, al preferire prodotti a chilometro zero.

Ma anche per favorire un rapporto più virtuoso e positivo tra agricoltori e comunità, per far sì che la gente percepisca i contadini ed il loro lavoro come una risorsa per il territorio, quale è in effetti. Grazie a “Scampagnate in fattoria”, dal 15 aprile all’11 novembre (tradizionale data di chiusura dell’annata agraria) sarà possibile visitare e prendere contatto con la realtà di diciotto tra aziende agricole e agriturismi distribuiti su tutto il territorio provinciale con il comun denominatore di avere una gestione in rosa. “Quella della donna è una presenza che arricchisce questo settore e che può dare un valore aggiunto a livello di idee, innovazione e di apertura - ha detto durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa l’assessore provinciale all’agricoltura Tiziano Mellarini. “Questa iniziativa è importante anche per puntare l’attenzione verso tematiche come la salubrità e la sicurezza alimentare, e la rivalutazione dei prodotti agricoli a chilometri zero – ha concluso la Mellarini.