Beta version

Tendenze, gelato senza lattosio buono per i italiano su 4

17/06/2019 | Salute
La ricetta della Healthy Food Specialist per l’alimento estivo più amato

Secondo una recente richiesta di Eurispes, il 26% degli italiani avrebbe optato per una dieta senza lattosio, anche se solo l’8,5% lo avrebbe deciso in seguito a una diagnosi di intolleranza. Complessivamente, quindi, 1 italiano su 4 avrebbe scelto di escludere dalla propria dieta i latticini. Lo conferma l’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy: nel 2018 il giro d’affari dei prodotti senza lattosio ha raggiunto i 975 milioni di euro in Italia, con un paniere di 1.657 referenze.

Ma quella di eliminare i prodotti a base di lattosio dalla propria dieta può essere considerata una scelta salutare? A pensarla così è Paola Di Giambattista, Healthy Food Specialist, Free from Chef e Nutritional Cooking Consultant: “Una vita free from lactose non solo è possibile ma anche sana per tutti, grandi e piccini”. E se siamo dell’idea che il latte sia indispensabile per la preparazione di certe pietanze, la chef smentisce: “L'utilizzo del latte non è necessario per impastare dolci, né per preparare una besciamella. Sono tantissime le opzioni a base vegetale o che non impongono di ‘convertire’ una ricetta tradizionale’".

Come per tutti gli argomenti in ambito medico che trattano di alimentazione, anche in questo caso si fatica a trovare una risposta univoca. Secondo Paola Di Giambattista, entra in gioco anche un fattore psicologico:“I cibi di colore bianco sono il comfort food per eccellenza: bianco = latte materno = nutrimentoTutte le volte in cui ci sentiamo giù e abbiamo bisogno di ‘casa’, di ‘protezione’, andiamo alla ricerca di alimenti di colore bianco: dai dolci, specialmente quelli al cucchiaio, passando poi alla panna e al gelato fiordilatte. Il bianco è rassicurante, avvolgente, infonde fiducia. Ecco perché è così facile tuffarsi in un profiteroles o in un bel mascarpone”, prosegue la chef.

Se è vero che la dieta lactose free ormai è la norma per una larga fetta dei nostri connazionali, non è più tempo di considerarla come un “problema” che crea divisioni in famiglia o all’interno dei gruppi di amici.