Beta version

Seminario a Cremona su come sfruttare al massimo la partecipazione ad eventi fieristici

03/07/2012 | Realtà locali
In ogni settore economico gli operatori professionali sono alla ricerca di soluzioni innovative e soprattutto concrete per sviluppare il proprio business.

Concepire una manifestazione fieristica come un semplice momento di incontro tra domanda e offerta ha perso significato. In ogni settore economico gli operatori professionali sono alla ricerca non già di beni o servizi che si possono ormai reperire facilmente da un parte all’altra del mondo, ma di soluzioni innovative e soprattutto concrete per sviluppare il proprio business.

Le manifestazioni fieristiche possono essere una leva fondamentale per aprirsi nuove possibilità, ma è necessario conoscerne a fondo i meccanismi per poterne sfruttare appieno le molte potenzialità. Per questo CremonaFiere, che ormai da anni ha fatto della specializzazione e della professionalità i punti di forza delle sue manifestazioni, ha organizzato un seminario per approfondire il lavoro che sta dietro la costruzione di un evento fieristico di successo, e di conseguenza per entrare in sintonia con tutti gli ingranaggi della macchina fieristica.

In questo caso il seminario si è rivolto agli operatori del lattiero-caseario e dell’allevamento suinicolo, in vista della prossima edizione della Fiera Internazionale del Bovino da Latte, Italpig e Expocasearia (25-28 ottobre 2012); un appuntamento per capire come valorizzare al meglio l’investimento di un’azienda nella manifestazione.

Le numerose aziende partecipanti hanno innanzitutto potuto approfondire il lavoro di CremonaFiere sull’internazionalizzazione e sulla comunicazione, due aspetti fondamentali delle manifestazioni. Dalle missioni estere per portare a Cremona buyer da Russia, Nuova Zelanda, Cina, Nord Africa, Est e Nord Europa, fino alla costruzione di un programma di eventi unico (l’anno scorso sono stati ben 56 appuntamenti) studiato per interessare e attrarre le diverse professionalità che compongono l’eterogenea community internazionale del lattiero-caseario e della suinicoltura.

Queste azioni sono parte integrante della strategia che ogni anno consente alla Fiera Internazionale del Bovino da Latte, Italpig e Expocasearia di essere in netta controtendenza rispetto all’andamento negativo del mercato fieristico. Un primo appuntamento, questo organizzato da CremonaFiere, per aiutare e coinvolgere gli espositori delle manifestazioni nelle sue numerose attività di promozione, comunicazione, e costruzione di relazioni internazionali. Il grande interesse suscitato dall’incontro, se conferma che ancora troppo spesso gli espositori non sfruttano tutti gli strumenti che le manifestazioni di CremonaFiere mettono loro a disposizione, dimostra tuttavia che molte aziende si stanno attivando in questo senso, e questo non può che giovare al successo non solo delle manifestazioni, ma allo sviluppo di tutto il settore.