Beta version

Sardegna: presentata la campagna antincendio

11/07/2011 | Realtà locali
Gran parte degli incendi che ogni anno devastano il patrimonio boschivo della Sardegna è dovuta a disattenzione e leggerezza.

CAGLIARI - Gran parte degli incendi che ogni anno devastano il patrimonio boschivo della Sardegna è dovuta a disattenzione e leggerezza nell’uso del fuoco, occorre pertanto diffondere e promuovere il messaggio che solo attraverso un comportamento ispirato ad attenzione e prudenza si possono ridurre i rischi di incendio.

L’appello ad attuare una forte e comune azione di prevenzione è stato lanciato nel corso della presentazione del “Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi per l’anno 2011”, che si è tenuta nella sede dell’assessorato regionale dell’Ambiente. Il piano, approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore regionale alla Difesa dell’Ambiente, Giorgio Oppi, è stato illustrato dal comandante regionale del Corpo Forestale, Delfo Poddighe. Alla conferenza stampa erano presenti il direttore regionale della Protezione Civile, Giorgio Cicalò, il direttore dell’Ente Foreste, Gilberto Murgia, il presidente dell’Ente Foreste, Bachisio Molotzu e il direttore regionale dei Vigili del Fuoco, Davide Meta.

Il documento illustrato descrive rigorosamente tutti gli strumenti che riguardano le attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi in Sardegna che sono realizzati con la collaborazione di tutti i soggetti che concorrono alla campagna antincendio: Corpo Forestale, Ente Foreste, Vigili del Fuoco, volontari e barracelli. Nelle attività di lotta contro gli incendi saranno impiegate, in turni che assicurano una copertura totale del territorio, circa 9.000 persone.

Saranno 11 invece i mezzi aerei regionali con una capacità di carico di circa 800/900 litri dislocati presso le basi operative di Fenosu, Villasalto, Marganai, San Cosimo, Limbara, Anela, Farcana, Sorgono, Bosa, Alà dei Sardi e Pula. Cinque sono invece i mezzi aerei messi a disposizione dal Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, tra cui tre Canadair con capacità di carico di 5.300 litri e un Helitanker con capacità di carico di 9.000 litri.

A supportare questi velivoli, ci sarà anche la dotazione dei nuovi mezzi leggeri a disposizione del personale dell’Ente Foreste e delle associazioni dei volontari che fanno capo alla Protezione Civile, che proprio in questi giorni sta completando l’assegnazione. Prosegue anche in questa Campagna 2011 l’attività complementare investigativa che quest’anno sarà ulteriormente razionalizzata per limitare anche i reati in materia di incendio boschivo. La campagna antincendi 2011, è stata anticipata dalla pubblicazione e divulgazione delle Prescrizioni regionali antincendio, che insistono sulla comunicazione nei confronti della popolazione locale e dei turisti delle disposizioni e regole elementari di comportamento cui attenersi per limitare i rischi legati agli incendi.