Beta version

Proposte per salvare il pianeta: menù Veg una volta a settimana

07/12/2012 | Ambiente
Dare una svolta ecologicamente sostenibile e salutare alla nostra alimentazione con un menu veg almeno un volta a settimana

Preferire almeno ogni mercoledì menu interamente vegetali, a casa come in mensa, per dare una svolta ecologicamente sostenibile e salutare alla nostra alimentazione. E’ la proposta che la Lav ha portato in piazza lo scorso weekend nelle principali città italiane, con i consigli di cambiamenu.it e l’esclusivo ricettario di alta cucina vegan dello chef Simone Salvini, che è stato distribuito in omaggio a chi s’è impegnato ad adottare il “Mercoledì Veg”.

“Il ‘Mercoledì Veg’ fa bene agli animali che non avremo contribuito ad uccidere, all’ambiente, alla nostra salute ma anche al nostro portafoglio in quanto i vegetali sono vincenti anche sotto il profilo qualità-prezzo: offrono tutti i nutrienti, spesso ad un costo decisamente inferiore rispetto ai prodotti a base di carne, basti pensare al costo e alla resa di un chilo di legumi rispetto ad un chilo di carne o di pesce - afferma Paola Segurini, responsabile Lav settore Veg. Produrre alimenti vegetali è più ecologico ed etico della produzione di carne, latte o uova: lo provano studi internazionali sull’inquinamento atmosferico e sul riscaldamento globale, il consumo di acqua e di foreste, riconducibili all’industria della carne. E’ stato calcolato che sostituendo un chilo di carne a settimana con proteine vegetali si risparmiano 36 chili di Co2 e almeno 15.500 litri di acqua. Se tutta la popolazione italiana adulta adottasse il “Mercoledì Veg”, il risparmio in termini di emissioni di Co2 equivarrebbe a miliardi di chilometri in meno percorsi in automobile, e a miliardi di litri d’acqua; una sola persona per un anno, risparmierebbe l’equivalente del consumo di una lampadina accesa ininterrottamente per 277 giorni.

“I reali costi dell’industria della carne sono ingentissimi se pensiamo che ogni hamburger comporta la distruzione di 5 metri quadrati di foreste o che la produzione di carne comporta l’uccisione ogni anno di circa 700 milioni di animali terrestri e di miliardi di animali acquatici: esseri senzienti, capaci di provare dolore e di soffrire - sottolinea Paola Segurini. “Ciascuno di noi può essere protagonista, ogni giorno, di uno stile di vita più rispettoso e responsabile: ogni singola scelta, ripetuta di settimana in settimana, condivisa con gli altri, può rappresentare un cambiamento significativo”.

L’alimentazione senza ingredienti animali (bilanciata, variata) è adeguata - lo confermano le due maggiori autorità internazionali in materia di nutrizione, l’American Dietetic Association e i Dietitians of Canada - e offre molteplici vantaggi sul piano nutrizionale, tra cui ridotti contenuti di acidi grassi saturi, colesterolo e proteine animali, a fronte di più elevati contenuti di carboidrati, fibre, magnesio, potassio, acido folico e antiossidanti, quali ad esempio le vitamine C ed E e le sostanze fitochimiche. Studi epidemiologici sui vegetariani, condotti negli ultimi 40 anni, riferiscono un ridotto rischio di malattie croniche, un aumento della longevità, ridotti valori di peso corporeo e pressione arteriosa, e un miglior stato generale di salute.

Le principali Società Scientifiche internazionali per la prevenzione dei Tumori e dell’Arteriosclerosi consigliano alimenti ricchi di fibre, poveri di grassi (specialmente animali), e abbondante frutta e verdura. Il mercato offre una grande varietà di prodotti veg in grado di sostituire gli ingredienti tradizionali.

Ecco alcuni consigli:

Burro

Olio d’oliva o di semi - Margarina

Latte Latte di soia, d’avena, di riso, di mandorle 

Panna Panna vegetale e di soia

Pasta all’uovo Pasta fresca di grano duro, pasta integrale di farro, di kamut

Yogurt Yogurt di soia

Besciamella Besciamella con margarina, latte di soia o di riso

Brodo di carne Brodo vegetale

Maionese Maionese vegetale a base di tofu o di piselli

Pasta sfoglia con burro,  Pasta sfoglia con margarina vegetale o olio

Ragù di carne Seitan o bocconcini di soia per ragù veg

Carne (hamburger, cotoletta, arrosto, wurstel) Burger, cotoletta, arrosto, wurstel di proteine vegetali (soia, seitan, tofu, lupino)

Formaggio Formaggio vegetale (a base di tofu)

Affettato Affettato veg (a base di tofu, seitan)

Budini, creme Budino con latte di soia o di riso

Gelato Gelato di soia, gelato di riso, gelato di lupino, sorbetto di frutta

Gli alimenti vegetali sono vincenti anche sotto il profilo qualità-prezzo: offrono tutti i nutrienti, spesso ad un costo decisamente inferiore rispetto ai prodotti a base di carne. Basti pensare al costo e alla resa di un chilo di legumi rispetto ad un chilo di carne o di pesce.

Alcuni esempi a confronto (prezzi medi 2012 in euro/kg):

PREZZI ORTOFRUTTA- LEGUMI E CEREALI Prezzi medi in euro/kg

• Riso arborio= 2,10 euro

• Broccoli= 2 euro

• Carote= 1,30

• Cavolfiori= 1,70

• Fagiolini= 3

• Patate= 1

• Bieta= 1,50

• Spinaci= 2,30

• Lenticchie secche bio= 3,24

• Fagioli borlotti secchi bio= 2,80

• Ceci secchi bio= 2,86

• Tofu al naturale= 10,25

• Bocconcini bio di soia disidratata = 14 (Lav 2012)

PREZZI DI CARNE E PESCE Prezzi medi in euro/kg

• Roast beef bovino adulto= 28 euro

• Arrosto di vitello= 7 euro

• Petto di pollo= 7,9 euro

• Trota salmonata= 9,90

• Filetto di merluzzo= 13,90

• Seppie= 12,89

• Gamberoni= 13,98

• Spigola da allevamento= 12

• Branzino (estero)= 7,89 (Lav 2012).  Per approfondimenti: www.cambiamenu.it.