Beta version

Pizza ancora davanti a tutti

25/09/2018 | Qualità
Ma nella top ten dei cibi più ordinati tante novità

Cibo mon amour, per gli italiani. Sì, ma quale, di preciso? Risponde al quesito l’Osservatorio Just Eat, con la top 10 delle cucine più ordinate. Vince ancora la pizza, seguita da hamburger e dalla cucina giapponese e cinese. Completano la classifica panini e piadine, pietanze tipicamente italiane, il pollo indiano, i dolci e il messicano. Anche il trend anno su anno è interessante, poiché rileva una crescita di panini e piadine, pollo e dolci, che scalano la classifica in salita rispetto al 2017, e una controtendenza per quanto riguarda il greco che lascia il 10° posto. L'indagine è stata svolta su 20 città italiane.

Lo studio rivela alcune nuove tendenze che spaziano tra tradizione e innovazione, con scelte che riportano sulle tavole degli Italiani i sapori tipici, grazie a un’esplosione degli ordini di gastronomia (+446%) e rosticceria (+429%) con piatti gettonati come arancini, mozzarella in carrozza, lasagne, pasta al forno e tantissime deliziose ricette tipiche delle diverse tradizioni regionali. Ma la voglia di sperimentare degli Italiani porta anche verso altri food trend. Ecco apparire in classifica tra le cucine più in crescita i noodles (+258%) e al quarto posto la cucina healthy (+163%) che continua a essere sempre più ordinata, in linea con il ritorno a uno stile di vita sano e il gelato che con +115% rappresenta una richiesta sempre più ricorrente a domicilio. Al sesto posto per l’incremento di ordini una novità assoluta ovvero la cucina libanese (+112%), seguita da trend che negli ultimi anni crescono in modo costante come la passione per l’hamburger (+81%) e la nippo-mania (+73%), seguita da pollo (+71%) e panini e piadine (+69%).

I piatti più ordinati a livello nazionale oltre alla pizza margherita, la top 10 vede patatine fritte, involtini primavera, supplì, riso alla cantonese, nigiri sakè, ravioli al vapore/griglia, pollo alle mandorle, hamburger, uramaki philadelphia, tiramisù e cheeseburger. Il valore complessivo in Italia del mercato del cibo consegnato a domicilio si attesta, considerando modalità online e offline, su un valore di circa 3.2 miliardi di euro e già circa 30 milioni di Italiani coinvolti che ordinano a domicilio via telefono o recandosi presso il ristorante, ma con un potenziale pari a 10 milioni di persone propense e pronte, secondo l’osservatorio, a utilizzare il servizio digitale.