Beta version

Piombino, possibili investimenti dall'Oman

06/04/2017 | Realtà locali
Nelle infrastrutture e nell'agroalimentare

Vuole investire in Italia, e guarda con interesse all’hub portuale di Piombino. Tra gli obiettivi ci potrebbe essere una sinergia sull’agroalimentare tra l’Italia e l’Oman.

Lo dice l’autorità di sistema del Tirreno settentrionale, dopo la visita dello sceicco Nasser Bin Mohammed Al Hashar, capo di una conglomerata di livello mondiale, l’Al Jazeera International Group (Aig). Lo sceicco ha incontrato il presidente dell’authority Stefano Corsini, e durante il colloquio, prosegue la nota, “l’imprenditore arabo ha potuto conoscere da vicino la realtà di Piombino e le sue prospettive di sviluppo”.

Secondo Nader Morsy, responsabile global investment della Elixir United Investment, nata per realizzare nei mercati stranieri investimenti con il gruppo omanita, la visita piombinese è servita per “prospettare proposte futuribili da realizzarsi in due o tre anni: il nostro orizzonte temporale è più breve, abbiamo già due progetti pronti che potrebbero trovare in poco tempo un naturale sviluppo sul territorio”.

“Piombino – spiega Morsy – può essere uno dei nostri hub di riferimento nel Mediterraneo per lo sviluppo di proficui scambi commerciali con l’Oman”. Si è anche parlato della possibilità di creare nuove sinergie nel settore dell’agroalimentare con un nuovo porto a nord dell’Oman su cui il sultanato sta investendo molto. 

photo credit to ap.piombinoelba.it