Beta version

Più di cento milioni dai psr alla regione Emilia per il terremoto

07/06/2012 | Agricoltura
Con la quota di cofinanziamento statale il totale delle risorse che viene messo a disposizione delle Regioni Emilia Romagna ed Abruzzo ammonta a circa 114 mln di euro.

Con la quota di cofinanziamento statale il totale delle risorse che viene messo a disposizione delle Regioni Emilia Romagna ed Abruzzo ammonta a circa 114 mln di euro. Oltre ai 50 milioni di euro destinate dalla Conferenza delle Regioni del 6 giugno alle zone terremotate dell'Emilia, altri 114 milioni di euro sono stati dirottati sempre all’Emilia alle imprese agricole danneggiate dal sisma.

"E’ un risultato di straordinario valore in termini di solidarieta", ha sottolineato il presidente della regione Basilicata, Vito De Filippo, che ha presieduto la Conferenza delle Regioni del 6 giugno. Per questo contributo di solidarietà terremoto si tratta in particolare di un potenziamento della dotazione del Programma di sviluppo rurale della Regione Emilia Romagna, applicando un prelievo sui PSR delle altre Regioni e Province autonome, con l'esclusione della Regione Lombardia anch'essa colpita dal sisma di questi giorni e della Regione Abruzzo in quanto già colpita dal terremoto del 2009.

Pertanto è stato modificato il Piano strategico nazionale per lo sviluppo rurale 2007-2013 nella parte relativa alla tabella di riparto della quota FEASR tra i Programmi di sviluppo rurale delle Regioni, prevedendo uno storno del 4% sull'annualità 2013 di ciascun Psr, ad eccezione dei Programmi delle Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Abruzzo.

L'applicazione di detto storno del 4% porta a recuperare risorse per un importo complessivo pari a 49.993.000 di euro: 43.673.000 di euro sono destinati al PSR della Regione Emilia Romagna per affrontare le numerose emergenze derivanti dal terremoto 6.320.000 di euro sono destinati al PSR della Regione Abruzzo, colpita dal sisma del 2009, per intervenire a favore delle aziende non ancora ricostruite.