Beta version

Palermo, lo street food fa rete

30/12/2013 | Realtà locali
La nuova community dello street food incorona Palermo

Tutti i luoghi dello street food palermitano (proprio tutti, quelli nel mondo s'intende) in una mappa interattiva, che tutti gli utenti possono contribuire a completare segnalando sempre nuovi punti da condividere all'interno della community.

È questa l'idea alla base di Crocche.it, un progetto che mira a valorizzare l'eccellenza del cibo da strada di Palermo, da poco nominata prima città europea dello street food e quinta nel mondo direttamente dalla community internazionale di VirtualTourist e da Forbes.

Il web diventa così una vetrina mondiale per pietanze e goloserie che hanno fatto la storia della tradizione cittadina: dal pane con la milza all'arancina, dalle stigghiola alla frittola, passando per lo sfincione, le panelle e, naturalmente, le crocchè. La consultazione è libera per tutti, ma partecipare alla mappatura è ancora più semplice: basta registrarsi al sito in pochi click per avere la possibilità di segnalare un luogo interessante sulla mappa, ma anche di commentare e valutare quelli già segnalati.

Tra questi, anche i punti che offrono street food palermitano in altre città, ovunque nel mondo. Così, grazie ad alcuni filtri di ricerca, è possibile individuare i punti più facili da raggiungere, quelli più popolari o quelli specializzati in determinati tipi di pietanze. Oggetto di segnalazione può essere un baracchino mobile, un banchetto, ma anche un bar o una rosticceria, punti che spesso sfuggono ai consueti siti turistici di localizzazione: ciò che conta è che nei luoghi segnalati sia possibile trovare una o più specialità tipicamente consumate per strada, come da tradizione.

Crocchè vuole essere uno strumento per imparare a conoscere la città attraverso i suoi sapori più genuini, per scoprire valori e tradizioni legate al suo cibo. Ma anche per trovare le specialità di Palermo in altre città, e sentirsi a casa in ogni parte del mondo.