Beta version

Nasce la Fondazione Brunello di Montalcino

22/01/2019 | Agricoltura
Ha finalità sociali legate al territorio

Il Brunello prende il volo. Nasce la “Fondazione Territoriale Brunello di Montalcino”, voluta dai produttori e guidata da Fabrizio Bindocci. Ma perché nasce, quale obiettivo intende conseguire? La fondazione vuole reinvestire a Montalcino parte dei profitti ottenuti dalla produzione e dalla vendita del Brunello. Sul modello di quelle bancarie, la Fondazione, la cui creazione è stata approvata nel 2016 dall’Assemblea del Consorzio del Brunello, è nata per sostenere finanziariamente  progetti di sviluppo del territorio su diversi fronti: dal turismo al recupero e restauro di beni artistici e culturali ma anche nel campo del sociale e dell’integrazione. 

Il Cda è composto da  Fabrizio Bindocci (Presidente), Remo Grassi (vice presidente), Silvio Franceschelli (Sindaco di Montalcino), Andrea Cortonesi, Patrizio Cencioni (Presidente del Consorzio del Brunello), Manuele Bartolommei e, in qualità Responsabile Comitato Tecnico Scientifico, Bernardo Losappio.

La  Fondazione, pur essendo espressione del Consorzio, avrà una gestione autonoma e soprattutto sarà  aperta partecipazioni e contributi esterni.