Beta version

A Milano nei giorni 9 e 10 febbraio 2013 di scena “Olisfestival”

19/12/2012 | Realtà locali
Antichi e nuovi rimedi per mantenersi in buona salute e le discipline per il benessere.

Da quando il termine olistico ha iniziato a diventare così familiare alle nostre orecchie? Da dove arriva? E sappiamo bene che cosa indica e significa? Per rispondere a questi ed altri quesiti nasce Olisfestival, la prima manifestazione a Milano dedicata al mondo dell’olistica e del bio-naturale.

Olisfestival è una manifestazione che parla di benessere naturale per il corpo, la mente e lo spirito. Nasce per far conoscere al grande pubblico antichi e nuovi rimedi per mantenersi in buona salute e discipline per il benessere, quelli che considerano l’individuo come una cosa sola, una totalità viva e in connessione, e non più come un insieme di organi separati uno dall’altro, considerati divisi nel corpo e staccati dalla mente.

I promotori dell’evento ritengono che ci sia bisogno di restituire credibilità, autorevolezza, chiarezza per sfatare i pregiudizi e la cattiva comunicazione. Qualificare le discipline bio-naturali, identificare questo settore, fare capire alle persone che non sono mode passeggere ma vie di autoconoscenza che ci aiutano a cercare il benessere dentro noi, discipline serie, compiute, sempre alla ricerca e in evoluzione, sono arti, metodi, strumenti per risvegliare la nostra vitalità.

Un’occasione unica, quindi, per informarsi, provare, scegliere i migliori specialisti che il panorama contemporaneo offre. Il tema della manifestazione è rivolto alla salute e al benessere naturale, con particolare attenzione a qualificare le discipline olistiche, bio-naturali collocandole nel giusto spazio e cercando di fare chiarezza nei ruoli e nelle sinergie fra medici e operatori. L’intenzione è quella di creare un evento autorevole e credibile che dia voce e visibilità alle realtà più serie e accreditate del settore escludendo tutti gli aspetti legati al solo bell’essere estetico e alle esperienze new age o esoteriche spinte, per evitare facili strumentalizzazioni.

Non mancherà un aspetto di approfondimento delle relazioni fra il mondo scientifico e le scienze olistiche con il contributo di ingegneri esperti di Neurobiologia, Biofotoni, Biocomunicazione e meccanica quantistica, che ci aiuteranno a comprendere il funzionamento del nostro corpo e i meccanismi d’azione delle tecniche olistiche alla luce delle più avanzate conoscenze nel campo scientifico. Saranno presenti anche momenti di riflessione più ampi legati alla cultura e al contributo della visione olistica nella società: come la proiezione del film “Globalshift, una nuova coscienza per un nuovo pianeta”, o la conferenza “Oliamo, la scienza del futuro, verso una civiltà ecologica, pacifica e consapevole”. Il festival prevede un programma culturale di incontri, conferenze, seminari, convegni e un’area dedicata alle esperienze pratiche: laboratori di cucina naturale (condotti da Simone Salvini), spazio dimostrazioni dove sarà possibile assistere a performance di varie discipline, libreria specializzata, seminari esperienziali nelle varie tematiche e un’area stand dove è possibile incontrare gli operatori del settore e provare un trattamento o un massaggio delle diverse discipline: shiatsu, riflessologia, massaggio ayurvedico, kinesiologia e molte altre. Informazioni: www.olisfestival.it, tel. 02-42250181.