Beta version

Macerata, bando per fondo anticrisi comunale

11/01/2013 | Realtà locali
Un fondo per le persone che negli ultimi due anni si sono trovate senza lavoro.

Il Fondo anticrisi comunale è una risorsa che l'amministrazione comunale di Macerata destina alle persone che negli ultimi due anni si sono trovate senza lavoro. Nel dettaglio il contributo economico è destinato a coloro che hanno perso il lavoro, che non hanno avuto il rinnovo del contratto, cassa integrati, iscritti alle liste di mobilità, lavoratori autonomi che sono stati costretti a chiudere l'attività.

"Il Fondo anticrisi comunale è una risorsa che l'amministrazione ha destinato alle persone che vivono il dramma della perdita del lavoro o che vivono la fatica della precarietà del lavoro, soprattutto i giovani spesso obbligati a contratti estremamente provvisori e non rinnovabili - spiega l'assessore alle politiche sociali, Stefania Monteverde “Siamo consapevoli che non risolve il bisogno di un lavoro certo che solo può dare la sicurezza per una vita serena. Tuttavia, è un contributo che allevia i disagi dell'essere senza un reddito sicuro e aiuta le famiglie nel sostenere le spese quotidiane."

“Il Fondo anticrisi - aggiunge l'assessore - è una delle tre azioni che l'amministrazione, insieme al Consiglio comunale, ha messo in campo per il sostegno alle famiglie in tempo di crisi: il Fondo per il sostegno agli affitti di 150mila euro, il Fondo di solidarietà per le emergenze di 45mila euro, e il Fondo anticrisi per la perdita del lavoro di 45mila euro. Sono il segnale che la priorità degli impegni amministrativi sono le famiglie, con particolare attenzione alle situazioni in cui ci sono persone con disabilità, agli anziani soli, alle famiglie numerose ma anche a quelle con un solo genitore. Nel 2010 abbiamo fatto un fondo anticrisi di 120mila euro, oggi aggiungiamo un fondo da 135mila euro: in mezzo ci sono anche 225mila euro per il sostegno agli affitti. Quasi 500mila euro in due anni per i bisogni reali della gente in difficoltà, i nuovi poveri. Non basta il rigore dei tagli, servono politiche per lo sviluppo del welfare: questo è quello che facciamo".

I requisiti per inoltrare richiesta di contributo sono specificati nel bando che è disponibile sul sito del Comune www.comune.macerata.it. Hanno diritto al contributo del Fondo Anticrisi tutti coloro che a partire dal 1° novembre 2010 si trovino nella condizione di disoccupati per licenziamento, per mancato rinnovo del contratto, anche di pochi mesi, cassa integrati, iscritti nelle liste di mobilità e i lavoratori autonomi che hanno dovuto chiudere l'attività. Al momento della presentazione della domanda il richiedente deve inoltre essere cittadino italiano o dell’Unione europea oppure di stati non appartenenti all’Unione europea, ma munito di permesso o carta di soggiorno in corso di validità e con residenza nel Comune da almeno tre anni continuativi.

Per fare richiesta è inoltre necessario essere in possesso di una dichiarazione Isee rimodulata uguale o non superiore a € 5.577,00. Alla domanda di contributo economico devono essere allegate, pena l’esclusione, le fotocopie dei documenti di identità e certificazione specificati nel bando. L’erogazione del contributo una tantum è pari a un minimo di 600 euro, con un possibile aumento del 25% per le famiglie numerose o monoparentali, per le persone disabili o a rischio di sfratto. Per coloro che invece hanno usufruito del beneficio del fondo anticrisi regionale 2012, e si trovano nelle condizioni di ricevere anche i benefici del fondo anticrisi comunale, è prevista una diminuzione del contributo del 25%. La concessione dei contributi avverrà fino ad esaurimento del fondo secondo la graduatoria stilata in base al valore Isee rimodulato.

Le domande devono essere presentate fino all’8 febbraio 2013 all’ufficio Servizi alla Persona del Comune di Macerata, aperto lunedì, mercoledì e venerdì ore 9.00-13.00; in caso di invio per posta farà fede la data del timbro postale. Info: UPS, viale Trieste 24, tel. 0733-256243-256465, fax. 0733-256238 e-mail: ups@comune.macerata.it.