Beta version

Lucca: oltre due milioni di euro il Piano locale di sviluppo rurale 2013

03/04/2012 | Realtà locali
Strade e acquedotti rurali, elettrodotti e più in generale infrastrutture a servizio dell’agricoltura che potranno migliorare la qualità del lavoro delle numerose aziende della Lucchesia.

Strade e acquedotti rurali, elettrodotti e più in generale infrastrutture a servizio dell’agricoltura che potranno migliorare la qualità del lavoro delle numerose aziende che rappresentano una risorsa primaria del territorio lucchese: ecco come sarà investita una parte cospicua degli oltre due milioni e 280mila euro che la Regione Toscana ha assegnato alla Provincia di Lucca per il 2013 come contributo per il Piano locale di Sviluppo Rurale.

La programmazione generale per le risorse del 2013 è stata presentata a Palazzo Ducale dal presidente della Provincia, Stefano Baccelli, dall’assessore all’Agricoltura, Diego Santi, insieme ai rappresentanti delle Unioni dei Comuni, tra cui Paolo Fantoni, Assessore all’Agricoltura dell’Unione Comuni Garfagnana, e i rappresentanti delle associazioni di categoria. E’ importante sottolineare che degli oltre due milioni assegnati alla Provincia, 547mila euro rappresentano una sorta di premialità che la Regione Toscana ha voluto concedere ad un territorio che in questi anni ha dimostrato ottima capacità progettuale e ha sfruttato ogni opportunità offerta dai bandi europei.

La Giunta di Palazzo Ducale, nel rispetto degli impegni dovuti alle misure pluriennali, ha scelto di destinare le risorse 2013 per mantenere lo schema di intervento degli anni precedenti, privilegiando quindi gli investimenti per il miglioramento delle aziende agricole, la loro diversificazione, la salvaguardia dei boschi e la stabilità idrogeologica del territorio. La novità importante consiste nel fatto che, per utilizzare al meglio queste risorse, l’amministrazione provinciale, in accordo con le associazioni di categoria e con le Unioni dei Comuni, intende realizzare un piano di area in modo da pianificare e ottimizzare gli interventi, evitando sovrapposizioni e sprechi.

Per l’ultimo anno di attuazione del PLSR, che si sviluppa tra il 2007 e il 2013, è stato deciso un significativo stanziamento, pari a un milione di euro, per il miglioramento delle infrastrutture a servizio delle aziende agricole e forestali come strade rurali, acquedotti rurali ed elettrodotti. A fianco degli interventi infrastrutturali dedicati alle aziende, alla produzione artigianale e industriale, quindi inerenti la viabilità come la banda larga, la Provincia prosegue nel suo impegno a favore di tutte le attività produttive, tra cui l’agricoltura, settore importante per il nostro territorio.

Ecco alcune delle voci di investimento per il 2013 Per l’ammodernamento delle aziende agricole sono stanziati 150mila euro;

- 100mila vanno alla valorizzazione economica delle foreste;

- per il miglioramento e lo sviluppo delle infrastrutture in parallelo con lo sviluppo e l’adeguamento dell’agricoltura e della silvicoltura è previsto un investimento di 1 milione di euro.

In particolare, sotto questa voce sono previste anche opere di supporto agli acquedotti irrigui, il cui ruolo è sempre più strategico; interventi che dovranno essere di ottimizzazione e di eliminazione delle perdite per un utilizzo migliore della risorsa acqua.

Per la ricostituzione del potenziale produttivo forestale e interventi preventivi, 330mila; per il sostegno agli investimenti non produttivi in aree forestali 500mila euro. In totale, sull’asse 1, “Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale”, vengono stanziati oltre 1milione e 263 mila euro, per il “Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale” (asse 2) la cifra è di circa 1milione mentre è di 200mila euro la cifra prevista per “Qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione dell’economia rurale” (asse 3).