Beta version

Latte, consumi in calo

10/01/2020 | Agricoltura
A causa di stile di vita che tende a prodotti di origine vegetale

La filiera lattiero-casearia nostrana vale circa quindici miliardi di euro ed è trainata soprattutto dall'export e dai marchi d'origine, che vivono però un momento difficile in quanto devono l'Italian Sounding, i dazi di Trump, l'aumento del consumo di bevande vegetali, i cambiamenti climatici. Una pletora di situazioni difficili.

Ma quanto latte si produce nel nostro Paese? Ben 11 milioni di tonnellate di latte di mucca, 500 mila tonnellate di latte di pecora, oltre 200 mila di latte di bufala e 60 mila di latte caprino, ma nonostante la piramide alimentare consenta un consumo di 2-3 porzioni al giorno, la realtà ci consegna una flessione nei consumi dovuta, per lo più, al calo della natalità e alla diffusione di stili alimentari alternativi.

Se da un lato, infatti, diminuiscono le spese per latte fresco e formaggi, aumentano quelle per il biologico e ad alta digeribilità. Gli italiani sono sempre più orientati verso regimi alimentari che tendono a limitare, per motivi etici o di salute, prodotti di origine animale e a preferire bevande vegetali o ad alta digeribilità.