Beta version

La spending review toccherà anche Mipaaf, Inran e Agea

09/07/2012 | Normativa
L’Inran, l’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione, è stato soppresso ed è stato disposto il riordino di Agea, l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura.

“Gli interventi stabiliti in Consiglio dei ministri hanno come obiettivo quello di rendere più razionale, efficiente ed efficace il lavoro degli enti collegati al ministero. Da un lato nel campo della ricerca puntiamo ad una migliore allocazione delle risorse e ad una razionalizzazione delle funzioni, attraverso la soppressione di Inran le cui attività saranno svolte principalmente dal Cra. Dall’altro siamo intervenuti su Agea, al fine di ridurne la spesa di funzionamento e migliorare la qualità dei servizi offerti all’agricoltura, con decisioni frutto di un’attenta analisi svolta nei mesi scorsi. Si tratta nel complesso di misure che possono contribuire in maniera importante a rendere sempre più competitivo e virtuoso il sistema agricolo italiano”.

E’ quanto dichiara il ministro delle Politiche agricole, Mario Catania, circa le disposizioni previste dal decreto sulla spending review. L’Inran, l’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione, è stato soppresso ed è stato disposto il riordino di Agea, l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura).

Le funzioni ed i compiti già affidati all’Istituto sono attribuite al Cra, il Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura, mentre all’Ente risi sono trasferite le competenze dell’Inran nel settore delle sementi elette. Per quanto riguarda l’Agea, è stato stabilito che le funzioni di coordinamento relative al finanziamento della Politica agricola comune siano svolte direttamente dal ministero delle Politiche agricole, che opererà quale unico rappresentante dello Stato italiano nei confronti della Commissione europea per tutte le questioni relative al Feaga e al Feasr.

Trasformazioni anche nell’organigramma: non più un presidente e un cda, ma un unico direttore dell’Agenzia scelto in base a criteri di alta professionalità e conoscenza del settore agroalimentare sul modello delle agenzie collegate al ministero dell’Economia, ad esempio l’agenzia delle Entrate. La dotazione organica di Agea verrà ridotta del 50 per cento per il personale dirigenziale di prima fascia e del 10 per cento per il personale dirigenziale di seconda fascia. Entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del suddetto decreto, saranno individuate le risorse umane, strumentali e finanziarie riallocate presso il Mipaaf, attraverso decreti ministeriali di natura non regolamentare del ministro delle Politiche agricole, congiuntamente con il ministro dell’Economia.