Beta version

L’Inghilterra taglierà del 50% gli incentivi per il fotovoltaico

30/11/2011 | Energia
Preoccupante annuncio dalle autorità britanniche. Si rischia l'effetto domino?

A breve saranno tagliati del 50% gli incentivi per il fotovoltaico in Inghilterra. Si passerà dai 43.3 a 21 penny per Kwh. In base a tale misura, secondo stime attendibili, il tempo necessario per ammortizzare l’investimento iniziale aumenterebbe da 10 a 18 anni.

La decisione mira ad abbassare il costo delle bollette che riguardano l’energia, gravate dalle quote che servono per finanziare tali incentivi. Tale percentuale è di circa il 5%. Una situazione analoga a quella italiana. Il ragionamento del governo parte dal fatto che il costo delle energie rinnovabili, grazie alle nuove tecnologie, è sceso nelle ultime stagioni e con tale livello di incentivi il profitto per le aziende del settore è decisamente cresciuto, per cui un taglio del genere non inciderà sui profitti.

Nonostante il taglio, la rendita rimane del 4% (contro il 7.5% attuale), un tasso valutato certamente superiore a quello di un qualsiasi altro tipo di investimento a rendimento sicuro sul mercato.

Autore: Pierino Vago