Beta version

Italiani, cibo soprattutto come convivialità

29/03/2017 | Visioni
Ci piace conversare, meno cucinare. La ricerca dell'Unione Italiana Food

Italiani ormai, forse, imborghesiti. Ci piacciono i talent culinari, le trasmissioni sul food, ma non il lavoro di cucina, o non più come una volta: solo il 34% del tempo dedicato a tutte le attività legate al cibo è riservato alla sua preparazione, contro il 44% della Germania, il 45% del Regno Unito e il 47% della Francia, i Paesi della ricerca dell'Unione Italiana Food, la neonata associazione di settore dell'alimentare, derivata dalla fusione tra l'Aidepi, l'associazione delle Industrie del dolce e della pasta italiane, e l'Aiipa, quella delle Industrie prodotti alimentari. Essa comprende 450 imprese di oltre 20 settori merceologici, che danno lavoro a 65.000 persone e sviluppano un fatturato di oltre 35 miliardi di euro, di cui 10 di export; una entità, dunque, davvero rappresentativa.

Ebbene, in base alla ricerca, il 28% del tempo dedicato dagli italiani alle attività che hanno a che fare con il cibo (fare la spesa, cucinare, informarsi su quello che si mangia) è dedicato a condividere questo piacere con amici e parenti, a pari merito con i francesi, contro il 21% della Gran Bretagna e il 24% della Germania. Siamo anche il Paese più attento all'informazione su ciò che mangiamo: l'11% del tempo dedicato al cibo lo spendiamo a vagliare informazioni, leggere libri, esaminare etichette e cercare ricette e consigli su internet e i social network. In questo doppiamo gli altri Paesi, fermi al 4-5%. Inoltre impegniamo quasi un terzo del tempo complessivamente dedicato al cibo nel fare la spesa. Come i tedeschi (27%), molto più dei francesi (20%), ma meno dei britannici, che trascorrono in negozi e supermercati il 30% del tempo.

Allo stesso tempo in Italia il livello di soddisfazione generale per ciò che si mangia e per come si mangia e' alto come in tutti e quattro i Paesi oggetto dello studio: si reputano molto o abbastanza soddisfatti dall'86% del Regno Unito al 91% dell'Italia, passando per il 92% della Francia fino ad arrivare al 93% della Germania. Ma colpisce che il più basso livello di "molto soddisfatti" (16%) si riscontri proprio in Italia, rispetto al 21% della Francia, al 26% della Germania e al 29% della Gran Bretagna. In Italia il cibo e' sentito come un forte elemento di socializzazione e convivialità, ma anche una risorsa che dovrebbe essere assicurata e garantita a tutti. E l'accesso al cibo e' proprio il primo valore che gli italiani attribuiscono al cibo, prima ancora di gusto e piacere