Beta version

Istat, agricoltura e consumi in crescita

11/06/2014 | Agricoltura
Il comparto agricolo si mette in evidenza con un aumento del valore aggiunto

L'agricoltura va ancora una volta in controtendenza rispetto all'economia del Paese: in uno scenario di calo dello 0,1% del Pil nel primo trimestre dell'anno, il comparto agricolo si mette in evidenza con un aumento del valore aggiunto del 2,2% rispetto all'ultimo trimestre 2013 e dello 0,2% sul pari periodo dello scorso anno.

È l'Istat a fotografare lo stato di grazia del settore, che continua sul trend positivo peraltro già registrato nel 2013 quando aveva chiuso l'anno con un aumento del valore aggiunto dello 0,3%. E dall'Istat arrivano segnali di ripresa sul piano dei consumi alimentari, depressi da diverso tempo e calati addirittura del 12% rispetto al periodo ante-crisi. Nel primo trimestre 2014 la spesa delle famiglie residenti segna un lieve aumento, pari allo 0,1% rispetto al trimestre precedente.

L'ultimo incremento era stato registrato nel quarto trimestre del 2010. In termini tendenziali, invece, il dato risulta ancora negativo (-0,6%). Del resto è proprio l'alimentare - come rileva ancora l'Istat - a trainare la ripresa della produzione industriale ad aprile, con un balzo record del 5,8 per cento rispetto allo scorso anno e del 2,8 per cento rispetto al mese precedente. Sul rialzo pesa anche la Pasqua che quest'anno è caduta ad aprile, mentre lo scorso anno era in calendario a fine marzo.