Beta version

Il ministro Romano celebra le operazioni dei Nac

19/07/2011 | Agricoltura
Il commento del Ministro sull'attività di repressione delle frodi alimentari. A tutela della collettività.

ROMA – “Le operazioni condotte dai militari del Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari in diverse regioni italiane per contrastare contraffazioni e frodi alimentari rappresentano un contributo fondamentale per la tutela del Made in Italy e dei consumatori italiani”. Questo il commento di Saverio Romano, ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali ai risultati riportati dai Nac (Nucleo antifrodi carabinieri) attraverso alcune operazioni condotte in Campania, Emilia Romagna, e Sardegna.

Militari del Nucleo antifrodi carabinieri di Parma – secondo i dati presentati alla stampa - hanno sottoposto a verifica 22 imprese e laboratori e settemila chili di merce scoprendo prodotti trasformati indicati come Dop senza le previste autorizzazioni dei Consorzi ed etichettature di prodotti lattiero caseari e ittici non conformi. In provincia di Padova, Parma, Ravenna, Treviso, Verona e Vicenza, presso industrie agroalimentari di settore, sono state contestate sanzioni amministrative per 39mila euro. Nel corso delle operazioni sono state sequestrate, oltre a decine di migliaia di etichette pronte per essere utilizzate, oltre 8.400 confezioni di paste alimentari che, pur essendo prodotte con i prodotti tutelati (Dop, Denominazione origine protetta) indicavano impropriamente ed in maniera evocativa la Dop, non avendo la preventiva autorizzazione dei consorzi di tutela.

In provincia di Piacenza e Vicenza sono state contestate sanzioni amministrative per etichettature non conformi su prodotti ittici e lattiero caseari. In particolare in provincia di Piacenza è stata sanzionata una pescheria in quanto sul banco di vendita dei prodotti ittici freschi e decongelati erano esposti filetti di pesce recanti sul cartellino la denominazione di vendita "filetto Panca - allevato acque dolci" e non quella corretta "filetto Pangasio - decongelato - allevato in acque dolci - Vietnam", fornendo una indicazione "fuorviante" ed incompleta al consumatore. In provincia di Mantova è stato denunciato in stato di libertà un imprenditore agricolo per falso in atto pubblico per aver dichiarato ingannevolmente la conduzione di un terreno ad insaputa del proprietario. Nella circostanza è emerso che l'indagato aveva registrato all'Agenzia delle entrate un contratto di comodato falso.

Il Nac di Salerno, nell'ambito dei controlli disposti dal Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari, è intervenuto a Potenza, dove, a seguito di un controllo presso un ipermercato, sono stati sequestrati 12,6 chili di mele comuni poste in vendita come “Melannurca Campana Igp”. Nelle Provincie di Salerno e Napoli, presso tre aziende conserviere, sono state sequestrate circa 8mila etichette per prodotti conservieri riportanti marchi abusivi. Notificate sanzioni amministrative per un importo complessivo di oltre 100mila euro. A Gragnano (Napoli), il titolare di una struttura agrituristica è stato deferito all'autorità giudiziaria per la detenzione di circa 20 chili di alimenti in cattivo stato di conservazione, che sono stati sottoposti a sequestro. Scoperta una frode anche nel flusso commerciale di agnelli di Sardegna che ha riguardato 31 titolari di aziende di macellazione e trasformazione di carni di varie zone della Sardegna, nei cui confronti sono stati notificati avvisi di garanzia.