Beta version

Glifosate, continua il balletto

01/06/2016 | Salute
Il commissario alla salute ha proposto una moratoria di 18 mesi

Senza fine l’odissea sull’utilizzo del glifosate. La notizia di oggi è che «abbiamo convocato il Comitato di esperti per il 6 giugno per discutere ancora un volta il dossier glifosate sulla base di un'estensione limitata dell'attuale autorizzazione, massimo 18 mesi, fino a che l'opinione dell'Echa (Agenzia europea per le sostanze chimiche) non dissiperà ogni dubbio». Questo l'annuncio del commissario UE alla salute, Andriukaitis, oggi a Bruxelles. 

«È importante ricordare che l'esecutivo Ue approva solo la sostanza, il principio attivo, ma poi gli Stati membri non sono obbligati ad autorizzare i prodotti, hanno la possibilità di bandirli e limitarne l'uso, non devono nascondersi dietro la decisione della Commissione europea» ha sottolineato Andriukaitis, che spera con questa proposta «di avere il via libera del maggior numero di Paesi, che devono dal canto loro essere chiari sull’uso del potente pesticida. Ricordiamo che sono Italia e Francia hanno già detto no.  

Andando oltre queste misure immediate, la Commissione europea sta preparando una seconda decisione, che rivede le condizioni d'uso del glifosate.  Lo stesso commissario alla salute, annunciando una seconda decisione in preparazione, ha svelato che questa include tre raccomandazioni agli Stati membri: «Vietare il co-formulante “POE-tallowamine” dei prodotti a base di glifosate; minimizzare l'uso nei parchi pubblici, aree gioco e giardini pubblici; minimizzare l'uso prima del raccolto».