Beta version

Gastronomia, agli italiani piace l'etnico

10/09/2015 | Visioni
Ma perdono potere d'acquisto e la Gdo vende meno; i dati del rapporto Coop

Il 20% degli italiani frequenta ristoranti internazionali almeno una volta al mese ed è cresciuta del 18% nell’anno in corso la presenza di prodotti etnici nei supermercati del Paese. Sara un effetto dell’Expo?

Un italiano su due, però, non trova i prodotti che cerca nella Gdo. Lo afferma il rapporto Coop 2015 presentato recentemente  a Milano. Secondo la ricerca, la passione per il cibo etnico è trasversale lungo tutta la penisola. In Italia esiste in media un ristorante internazionale ogni 320 abitanti, con punte di 194 per la Valle d'Aosta e 216 in Liguria. In Lombardia c'è un ristorante etnico ogni 379 persone. A frequentarli almeno due o tre volte all'anno è il 50% della popolazione. 

Consumi: ancora fermi nella grande distribuzione - Da gennaio ad agosto di quest'anno le vendite della grande distribuzione in Italia sono scese dello 0,1% in valore e dello 0,9% quale trend al netto dell’inflazione rispetto allo stesso periodo del 2014. Ma, secondo il rapporto, le vendite hanno comunque beneficiato di un forte incremento estivo di alcune categorie stagionali come bevande e gelati. Scendono ancora i ricavi degli ipermercati (-3,4%) mentre crescono supermercati, discount e specializzati.

Dal 2008 le famiglie italiane hanno perso 122 mld - Tra il 2008 e il 2015 le famiglie italiane hanno perso potere d'acquisto per 122 miliardi, 75 dei quali in riduzione del consumi e 47 in taglio dei risparmi. Lo sostiene sempre il rapporto Coop 2015, secondo il quale il tasso di risparmio delle famiglie e' risalito al 9,2% rispetto all'8,6% del 2014, anche se rimane distante dall'11,9% del 2007. Ad aiutare la ripresa del potere d'acquisto e' comunque soprattutto la deflazione, perché tra il 2011 e quest'anno in termini nominali le retribuzioni in Italia sono cresciute dell'1% annuo ma sono scese dello 0,5% al netto dell'inflazione.