Beta version

Frosinone, pecorino di Picinisco dop

29/03/2018 | Realtà locali
Commercializzate le prime 21 forme

Arrivano notizie significative dalla Ciociaria. “Dopo la nascita del primo Biodistretto agricolo della Valle di Comino, che lega oltre 115 aziende agricole e 21 Comuni della provincia di Frosinone, parte la certificazione DOP del Pecorino di Picinisco. Una nuova denominazione che non solo garantisce ai consumatori la qualità dell'intera filiera produttiva e il legame con il territorio, ma che testimonia il grande lavoro di passione, dedizione e impegno dei produttori e delle amministrazioni locali”. Così si sono espressi in una nota congiunta il nuovo assessore all’Agricoltura, Ambiente e Politiche della Valorizzazione della Natura della regione Lazio, Enrica Onorati, e l’amministratore unico di Arsial, Antonio Rosati.

Il formaggio pecorino di Picinisco ha ottenuto il riconoscimento della Denominazione Origine Protetta dall’Unione europea il 7 novembre del 2013. Nel Lazio da molti anni non veniva assegnata una Dop ad un formaggio ed il Pecorino di Picinisco si affianca ai già riconosciuti “Romano” e “Toscano”. Per la prima volta, il 26 marzo, un’azienda ha certificato la produzione del Pecorino di Picinisco ai sensi rigidi del disciplinare previsto dall’Unione europea. Cento litri del prezioso latte crudo, munto esclusivamente dalle razze ovine di Sopravvissana, Comisana o Massesse, sono state trasformate in 21 forme di formaggio pecorino di Picinisco DOP. Tali forme, alle quali sono state assegnate le placche numerate di caseina fornite dalla Camera di Commercio, con i numeri da 00101 a 00121, si trasformeranno nelle tipologie “Scamosciato”, con una stagionatura variabile da un minimo di 30 ad un massimo di 60 giorni, oppure “Stagionato”, per la quale la stagionatura si protrae oltre i 90 giorni. In particolare le caratteristiche del prodotto, la zona di produzione, la prova dell’origine, il metodo di lavorazione, l’alimentazione degli animali, controlli, numerazione ed etichettatura con marchio DOP

photo credit to labasilicadisanformaggio.it