Beta version

Fontanellato (Parma): festa del bollito

18/01/2012 | Esplorando
L’obiettivo è consegnare idealmente il testimone dei sapori caratteristici delle nostre terre alle nuove generazioni.

Quali sono i signori del bollito nel parmense? Quali sono i segreti del riuso in cucina, soprattutto in tempo di crisi? Tra cotechini sopraffini di contorno, prelibati salumi di antipasto, il piatto forte è il bollito che non conosce recessione.

Meglio se a chilometro zero, con diversi tagli di carne di bue tutti da scoprire. Eccolo servito a Fontanellato (19 chilometri da Parma, Bandiera Arancione del Touring Club Italiano), in un gustoso viaggio tra salse, fettine e lunghe cotture. Ritorna - ancora più ghiotta rispetto allo scorso anno - la seconda edizione della Festa del Bollito “Tutti in Pentola – La Carne di Parma a Parma”, un evento dal sapore tutto italiano in programma domenica 5 febbraio dalle 9 alle 16, con due interessanti eventi-anteprima il 3 ed il 4 febbraio 2012.

La festa vera e propria del bollito, per tutti i gusti, è in castello a Fontanellato, domenica 5 febbraio. Se l’anno scorso sono stati serviti 140 chili di carne offerti dall’azienda An.fo.ra di Casalbarbato, vincitrice nel 2011 dell’Oscar Green regionale, 80 chili di bistecche vendute al momento a turisti e visitatori, oltre 300 coperti serviti nella pinacoteca del castello, tutti esauriti i 200 posti a sedere al convegno enogastronomico, nel 2012 si punta ad ampliare i numeri.

Febbraio è per eccellenza il mese del bollito che accomuna indistintamente “gente di campagna” e “gente di città”: tradizionale gran secondo di carne portato in tavola nelle domeniche di festa, accompagnato da salse di tutti i tipi, ad esempio la giardiniera, la salsa verde con il prezzemolo, la salsa rossa con il pomodoro, la salsa acetata agrodolce, mostarda dolce e piccante, salsa al cren (d’altra parte proprio a Fontanellato visse la figlia di Maria Luigia D’Austria) e salsa rustica.

La Festa del Bollito è dedicata proprio a tutti i modi di cucinare e servire la carne, dalle parti più nobili fino a quelle più comuni. E per chi volesse fare una capatina nel parmense domenica 5 febbraio i ristoranti del territorio di Fontanellato convenzionati con la manifestazione proporranno menù tutti dedicati al bollito dando vita – per la seconda volta – ad uno speciale circuito della carne. L’evento punta a promuovere un piatto tipico del territorio parmense, quell’insolita fettina lessa e tutto ciò che ruota attorno al concetto di “riuso in cucina” a chilometri zero.

Fontanellato lo fa valorizzando il legame diretto tra il produttore ed il consumatore grazie all’azienda agricola.

 Il programma prevede per domenica 5 febbraio, presso la Rocca Sanvitale e il Centro Storico a Fontanellato, l’apertura e il saluto delle autorità dalle ore 10.45. Intervengono: Domenico Altieri sindaco di Fontanellato, Pier Luigi Ferrari vice presidente Provincia di Parma, Andrea Zanlari presidente Camera Commercio di Parma, Andrea Andrei portavoce del Marchio Sapoeri e dell’azienda agricola An.fo.ra.

Dalle ore 11 alle 12 una tavola rotonda enogastronomica con esperti. Tema: cos’è il bollito e la cucina povera e come si fa? A cosa si sposa? Si recupererà la tradizione del “riuso in cucina” e della “doppia” con cui si facevano insalate fredde, piatti poveri ma saporiti.

Introdotto da Andrea Andrei, coordinato dai giornalisti enogastronomi Sandro Piovani (Gazzetta di Parma) e Andrea Grignaffini (direttore creativo della rivista Spirito di Vino). Durante la “tavola rotonda enogastronomica” gli esperti coinvolgeranno in un botta e risposta un rinomato chef e quei ristoratori che, oggi, continuano a riproporre lessi e bolliti nei loro menù.

Si parlerà inoltre dei diversi modi di servire il bollito a Parma e in provincia, perché c’è ancora chi porta ai commensali – al ristorante – una caratteristica pentolina con brodo, carne, verdure e nella fondina a fianco ogni persona sceglie ciò che più gli aggrada. Un aspetto significativo che si affronterà nel dibattito riguarda “Come consumare la carne di Parma a Parma e provincia? Come mettere in atto tutte le strategie per promuovere il concetto di carne a chilometro zero?”.

In programma anche una “Disfida in salsa”. Gara di salse tipiche con giuria di qualità e giuria popolare formata da giovani delle scuole superiori di Parma e Provincia; le migliori “resdore” di Fontanellato e provincia si sfidano a colpi di salse adatte ai bolliti: la rossa col pomodoro, la verde con prezzemolo, la giardiniera, la sala al cren con senape, quale vincerà la singolar tenzone? Il voto degli esperti a confronto con il gusto dei ragazzi.

L’obiettivo è “consegnare” idealmente il testimone dei sapori caratteristici delle nostre terre alle nuove generazioni, troppo abituate a cibi fast food e da micro-onde, che rischiano di dimenticare ricette importanti per l’identità delle campagne e città parmensi. Non mancherà l’abbinamento carne-pane grazie al panificio Cesena Sauro. Prevista poi l’esposizione di capi di bestiame e vitelli, durante la mattina: verrà montato un recinto: i bambini potranno vedere gli animali da vicino. Degustazione di bolliti a pranzo, dalle 12. Gli chef di Alma – Scuola Internazionale di Cucina Italiana prepareranno nella corte rinascimentale del Castello degustazioni (a pagamento, prezzo popolare, al coperto) per visitatori e turisti che desiderano degustare bolliti, salse e contorni. La Principessa Sissi accompagnerà i bambini e le bambine in un curioso viaggio all’interno del maniero. Durante la visita spiegherà come mangiavano i nobili nell’Ottocento e illustrerà ai piccoli anche i quadri di Felice Boselli “Nature morte a tema gastronomico”.

I piccoli apprenderanno quale tipologia di carne mangiavano i Conti Sanvitale ad esempio nell’Ottocento e primi del Novecento, oltre ad eventuali menù e servizi di credenza dell’epoca. L’evento per i bambini “Principesse a Corte” è a cura di Ati – Cooperativa Parmigianino, Cooperativa SocioCulturale, PierreciCodess, Ge.S.In.

Informazioni: Iat Rocca Sanvitale: tel. 0521-829055; Ufficio Cultura e Commercio – Comune di Fontanellato: tel. 0521-823233.