Beta version

Fondazione Cariplo: l’identikit del contadino metropolitano

05/11/2015 | Realtà locali
Secondo la ricerca, al giugno 2015 le aziende agricole in Lombardia sono 26.556

Quante sono le aziende agricole nell’area metropolitana di Milano? E quali sono le principali caratteristiche degli agricoltori meneghini? Risponde a queste e ad altre domande lo studio presentato da Valentina Cattivelli, ricercatrice indipendente e docente a contratto del Politecnico di Milano, nel corso della conferenza “Metropoli agricole” promossa dalla Fondazione Cariplo.

Secondo la ricerca, al giugno 2015 le aziende agricole in Lombardia sono 26.556, mentre circa seimila si trovano nell’area metropolitana di Milano e nelle aree agricole limitrofe (Fonte: Infocamere, ottobre 2015). Se a livello regionale la metà è guidata da donne (su 26.685 aziende, 13.226 sono al femminile in Lombardia), a Milano tale percentuale scende addirittura al 20 per cento. Insomma, l’aspetto “rosa” dell’agricoltura lombarda è meno pronunciato intorno alla città.

La ricerca conferma però un aspetto importante: la città di Milano e le sue zone limitrofe sono tra le più importanti per l’agricoltura in Italia. Il capoluogo lombardo, insieme a Roma, ambisce al primato di “comune più agricolo” d’Italia.

Altri dati: tra gli agricoltori metropolitani i titolari di aziende agricole sotto i 29 anni sono intorno al 12 per cento e c’è una leggera crescita degli stranieri (Fonte Istat, 2014 su dati censimento 2010). Si registra inoltre una grande attenzione verso le produzioni Doc/Dop: ben 13.443 in tutta la regione hanno guadagnato questo tipo di certificazione, di cui il 5 per cento nell’area metropolitana e nelle aree agricole limitrofe.

Altro elemento importante: l’agricoltura milanese cresce come numero di addetti: oggi dà lavoro ad oltre 12 mila persone, mentre nel 2007 erano poco più di 8 mila.

C’è di più: tanti giovani, pur avendo un percorso di studi in ambito non agricolo, scelgono di dedicarsi all’agricoltura. E, infatti, si osserva che l’agricoltura diventa sempre più multifunzionale (non solo attività di coltivazione e di allevamento, ma anche iniziative sociali, energetiche e turistiche) e quindi richiede competenze trasversali. Cresce anche l’informatizzazione (commercio elettronico, presenza di siti web, ecc...).

Fondazione Cariplo è impegnata attivamente nel settore Ambiente: nel 2014, per esempio, ha sostenuto 139 progetti per quasi 12 milioni di euro. Nelle ultime settimane è stato presentato il progetto Green Jobs, che punta ad accrescere l'occupazione dei giovani con profili "green", nonché a diffondere l'inserimento di competenze ambientali nelle aziende. È stato previsto l'avvio di 150 tirocini per giovani fino a 29 anni.