Beta version

Export, tornano a volare i formaggi italiani

23/09/2019 | Agricoltura
I dati Ismea parlano di una grande ripresa soprattutto degli stagionati

Il lattiero caseario torna nel posto che più gli compete, tra le punte d’eccellenza dell’intero made in Italy. Dopo il rallentamento del 2018, i primi sei mesi del 2019 fanno registrare una crescita a due cifre per le esportazioni di formaggi e latticini.

Secondo le elaborazioni Ismea su dati Istat, la prima metà dell'anno ha visto un incremento delle nostre spedizioni all'estero di oltre il 12%, in decisa accelerazione rispetto all'andamento contenuto del 2018 (+3%), il più basso degli ultimi 10 anni.

A trainare il comparto in questo primo semestre si segnalano i formaggi stagionati (+14,5%, per 772 milioni di euro pari al 45% del totale comparto) e i formaggi freschi (+6,3% per un valore di 424 milioni).

Per gli stagionati registriamo una decisa ripresa delle richieste oltreoceano, con l'export verso gli Usa balzato a 147 milioni di Euro (+25% sui primi sei mesi del 2018) grazie all'ottima performance del Grana padano, del  Parmigiano reggiano (+26%) e dei  Pecorini (+28% ). In quest'ultimo caso, sottolinea l'Ismea, l'aumento dell'export in valore si accompagna a un incremento più che proporzionale delle quantità, segnale di una flessione del prezzo medio all'export che, quindi, non offre alla filiera del latte ovino la tanto attesa boccata d'ossigeno.

Si segnala anche l'ottimo andamento in Giappone sempre per formaggi stagionati (+22,8% per un valore di 19 milioni di euro) e i freschi (+24,9% con 17 milioni di euro di introiti).