Beta version

Etichette alimentari, nuova consultazione pubblica

27/09/2018 | Agricoltura
Le domande sondano l'opinione dei consumatori circa l'origine della materia prima

Lanciata la seconda consultazione curata da Ismea per conto del Ministero delle politiche agricole. La consultazione, a cui si può partecipare compilando il questionario predisposto dall’Ismea e reperibile nel sito dell’Istituto medesimo, rimarrà aperta fino al 30 novembre 2018 e successivamente si procederà alla elaborazione delle risposte pervenute.

La prima consultazione del 2015 aveva posto in evidenza come i consumatori, in gran maggioranza, desiderassero avere informazioni precise sull’origine e la provenienza dei prodotti alimentari e tali indicazioni sono state tenute in conto dal Mipaaft che ha emanato i provvedimenti corrispondenti. In particolare è stata resa obbligatoria l’indicazione dell’origine per il latte e prodotti lattieri, per il riso, la pasta e i pomodori trasformati.Con questa seconda consultazione pubblica si ritorna in maniera più dettagliata sulle indicazioni di origine per valutare il grado di importanza che i cittadini danno a tali indicazioni.

In particolare le domande sondano l'opinione dei consumatori sul tema dell'origine della materia prima e dell'indicazione in etichetta del luogo di trasformazione. La consultazione pubblica è parte integrante di un progetto più ampio che mira a valutare l'impatto delle recenti norme nazionali sull'etichettatura, in particolare dei derivati dei cereali e dei prodotti lattiero-caseari.