Beta version

Bilancio positivo per il progetto “Energy School"

14/02/2013 | Energia
Coinvolgere le scuole per avere cittadini informati e consapevoli della necessità di ridurre i consumi energetici.

Il progetto “Energy School”, realizzato a seguito di un bando del ministero dell’Ambiente da Federconsumatori con la collaborazione di Altran, si è concluso il 5 febbraio con un importante seminario, a cui hanno preso parte, tra gli altri, Marcello Garozzo (per il ministero dell’Ambiente) e Guido Bortoni (in rappresentanza dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas) nonché rappresentanti della Federconsumatori, di Enea e del Gse.

Nell’ambito dell’iniziativa sono state illustrate le attività realizzate dalla Federconsumatori con l’obiettivo di diffondere la cultura dell’uso razionale delle risorse energetiche, del risparmio e dell’efficienza energetica. Per fare ciò, i promotori hanno ritenuto necessario dover partire dal coinvolgimento delle scuole, avviando dapprima un processo formativo rivolto al corpo docente e poi dei laboratori didattici ed interattivi in cui sono stati illustrati ai ragazzi l’importanza del risparmio energetico ed i metodi per conoscere, gestire e risparmiare l’energia.

Tutte le attività sono state concepite al fine di:

- rendere consapevoli gli studenti delle problematiche ambientali che riguardano la gestione dell’energia;

- valutare e conoscere le implicazioni che questo fenomeno ha, e può avere, rispetto alla realtà in cui vivono;

- favorire la crescita di cittadini “attivi” capaci di scelte responsabili e sostenibili. Infine gli stessi ragazzi, con la supervisione di ingegneri ed esperti del settore energetico, hanno effettuato, attraverso una check list, un’analisi sull’efficienza energetica della propria scuola, avanzando proposte migliorative, che ci auguriamo enti locali e consigli di istituto adottino prontamente.

Nel progetto sono stati coinvolti 2.068 alunni in otto regioni italiane e oltre un centinaio di classi di 16 istituti scolastici. La partecipazione e l’interesse dei ragazzi sono stati notevoli. L’ambiente e lo sviluppo sostenibile sono tematiche che stanno particolarmente a cuore ai ragazzi, ed è bene continuare a coltivare questa attenzione. In tal senso l’istruzione e la formazione continua rivestono un ruolo fondamentale per responsabilizzare gli studenti nei confronti dei problemi dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile. Soltanto con una piena consapevolezza dell’importanza del risparmio energetico ed una completa padronanza degli strumenti e delle conoscenze necessarie per mettere in atto comportamenti virtuosi, sarà finalmente possibile raggiungere l’obiettivo di una riduzione dei consumi energetici del 24% entro il 2020 adottando le indicazioni del nuovo piano energetico nazionale.