Beta version

E' tornata l'ora legale, a che serve?

29/03/2016 | Energia
Sostanzialmente ci consente di risparmiare energia

Nella notte tra sabato 26 e domenica 27 le lancette dell’orologio sono state spostate di un’ora in avanti, consentendo per i mesi che verranno un maggior numero di ore di luce e un importante risparmio energetico.

Ma a che serve l’ora legale? Comporta un risparmio energetico, soprattutto in termini di minore consumo di elettricità. Questo si traduce per le famiglie in una riduzione degli importi relativi alla bolletta della luce

Terna ha stimato che durante l’ora legale si risparmieranno circa 580 milioni di kilowattora, un quantitativo di energia sufficiente a soddisfare il fabbisogno medio annuo di 200 mila famiglie.

Tradotto in numeri si parla di un risparmio complessivo di 94,5 milioni di euro, ottenuti moltiplicando i kilowattora risparmiati per il costo medio dell’energia per il cliente finale (16,32 centesimi di euro), al netto delle imposte.

L’ora legale sarà in vigore da domenica 27 marzo fino al 30 ottobre 2016. Conseguenze del cambio d’orario, sia durante questo fine settimana che in corrispondenza del ritorno all’ora solare in autunno, potrebbero manifestarsi disturbi quali irritabilità, stanchezza, insonnia e mal di testa. Alcuni rimedi naturali possono in questi casi aiutare a ridurre il disagio e rendere il cambiamento più semplice da tollerare anche per l’organismo.