Beta version

Commercio estero, dati Istat su gennaio

28/02/2019 | Visioni
Buono l'andamento verso Usa, meno verso Turchia e paesi arabi

Nel mese di gennaio i flussi commerciali da e verso i paesi extra Ue dovrebbero crescere nelle esportazioni (+5,9%) e calare per le importazioni (-2,6%). L’incremento delle esportazioni è più sostenuto per i beni di consumo non durevoli (+10,8%) e i beni intermedi (+8,4%). L’energia (-18,8%) registra invece una rilevante diminuzione. La crescita complessiva passa a +6,9%. Dal lato dell’import, la flessione è particolarmente intensa per l’energia (-12,8%) e i beni di consumo non durevoli (-5,1%). Gli acquisti di beni intermedi (+5,9%) e di beni strumentali (+2,4%) sono invece in aumento.

A gennaio 2019, le esportazioni sono in aumento su base annua (+5,5%). L’incremento è rilevante per beni di consumo non durevoli (+16,9%), beni di consumo durevoli (+8,7%) e beni intermedi (+6,1%). Al netto dei beni energetici la crescita complessiva passa a +7,6%. Le importazioni registrano un aumento tendenziale (+5,6%), determinato dai beni intermedi (+11,1%), beni strumentali (+9,4%) e beni di consumo durevoli (+6,4%).

Il saldo commerciale a gennaio 2019 è stimato pari a -578 milioni (-526 milioni a gennaio 2018). Aumenta l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (da +2.449 milioni per gennaio 2018 a +2.726 milioni per gennaio 2019). A gennaio 2019 l’export verso Stati Uniti (+18,1%), Svizzera (+13,0%), paesi Asean (+7,4%) è in forte aumento su base annua. In diminuzione, le vendite di beni verso Turchia (-26,6%), paesi Opec (-19,0%) e paesi Mercosur (-7,1%).

Gli acquisti da Russia (+30,7%), paesi Mercosur (+20,8%), Giappone (+16,1%), Stati Uniti (+13,4%), paesi Asean (+12,0%) e Turchia (+11,9%) registrano incrementi tendenziali molto più ampi della media delle importazioni.