Beta version

Clima, a Bologna la scuola internazionale

03/08/2016 | Realtà locali
Al via la Summer School Journey Global Edition 2016 sul cambiamento climatico

Navi che desalinizzano l’acqua del mare utilizzate in caso di crisi umanitarie, pannelli solari per la produzione del ghiaccio in Nigeria, sistemi per trasformare in biogas su una nave al largo i rifiuti organici degli hotel delle isole Maldive. Sono solo alcune delle idee che presenteranno a Bologna (4 agosto, hotel Relais Bellaria) gli studenti del Journey Global Edition 2016, la Summer School organizzata dalla comunità europea dell’innovazione, Climate-KIC, di cui è partner Aster, il consorzio regionale per l’innovazione e la ricerca industriale.

Piccoli e grandi soluzioni, da applicare nei contesti urbani o anche in luoghi o situazioni specifici, idee che in un prossimo futuro potrebbero, tutte insieme, favorire lo sviluppo sostenibile e la nascita di una società a zero emissioni.

Come l’idea di un kit per insegnare ai bambini la tutela delle foreste e combattere la deforestazione, o quella di una community biker a Berlino, oppure i tour turistici nel porto di Amburgo su imbarcazioni alimentate a pannelli solari che ripuliscono le acque durante la navigazione.

Progetti che gli studenti hanno elaborato durante le settimane di studio precedenti a Zurigo e Budapest e che verranno presentate ad una giuria di esperti in business, innovazione e sostenibilità.

Il Journey Global Edition è la Summer School Climate-KIC (http://www.climate-kic.org/) di 3 settimane che si concluderà il 6 agosto. Complessivamente nel 2016 Climate-KIC ha organizzato 6 percorsi Journey con circa 220 partecipanti e 13 città europee coinvolte .

Climate-KIC affronta il cambiamento climatico su 4 principali tematiche: aree urbane, utilizzo del suolo, sistemi produttivi e strumenti decisionali e finanziari. La formazione è alla base di questi temi per ispirare e supportare le future generazioni.

Climate-KIC è una delle Comunità di Conoscenza e Innovazione (CCI, o KIC in inglese) create nel 2010 dall'Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (EIT), l'organismo dell'Unione europea incaricato di creare una crescita sostenibile in Europa cercando di affrontare al contempo le sfide globali del nostro tempo. Climate-KIC Italy è da quest’anno operativa sul territorio nazionale.

ASTER, il consorzio regionale per l’innovazione e la ricerca industriale, è core partner di Climate-KIC e attivo su diverse iniziative di formazione e supporto alla creazione d’impresa.

Oltre ad Aster, fanno parte del partenariato: AESS  (Agenzia per l’energia e lo sviluppo sostenibile), ARPAE (Agenzia regionale per la prevenzione e l’ambiente dell’Emilia-Romagna),  CCPB ( Controllo e certificazione), CMCC ( Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici), Comune di Bologna, CNR-IBIMET (Istituto di biometeorologia), MEEO (Meteorological Environmental Earth Observation), Università di Bologna, Proambiente, Urban Center Bologna, Sinergis.