Beta version

Cena sospesa, ristoranti in prima linea per i bisognosi

27/05/2016 | Visioni
Parte da Milano, con il contributo della Fipe, l'iniziativa per offrire un pasto a chi non può

Bar e ristoranti scendono in campo per chi ha bisogno di aiuto. Cena Sospesa è l'iniziativa promossa nel capoluogo lombardo da Caritas ambrosiana con il contributo di Fipe - Confcommercio e il coinvolgimento di alcuni locali della metropoli lombarda.

Grazie a questo progetto, pranzando o cenando all'interno di uno dei pubblici esercizi aderenti sarà possibile offrire un pasto a chi non può permetterselo, lasciando un piccolo contributo di qualsiasi importo: con le donazioni raccolte Caritas Ambrosiana provvederà all'acquisto di ticket restaurant del valore di 10 euro ciascuno che metterà a disposizione delle persone più bisognose, in base ad alcuni criteri di selezione individuati in sinergia con i Centri di Ascolto operanti sul territorio. Gli stessi Centri di Ascolto delle parrocchie provvederanno a distribuire i buoni pasto così finanziati che potranno essere utilizzati nei pubblici esercizi della città.

La Cena Sospesa è uno dei progetti di responsabilità sociale che la Fipe - Confcommercio sta sostenendo a livello nazionale o in sinergia con le associazioni territoriali di riferimento. Tra questi spicca l'iniziativa "A tavola scelgo anch'io", partita da Bergamo, con la quale i bar e ristoranti aderenti forniscono tovagliette con semplici icone per facilitare le ordinazioni ai clienti di ogni età con difficoltà fisiche o cognitive.

Un altro progetto attuale è #Beremeglio, in partnership con Federvini, per il quale si sta concludendo con successo la fase sperimentale: un programma di corsi per gli operatori della ristorazione per promuovere un approccio sempre più responsabile e di qualità nella somministrazione di bevande alcoliche.