Beta version

Calabria: bilancio agricolo positivo per il 2011

02/01/2012 | Realtà locali
Risultati importanti per l'agricoltura nell'anno appena trascorso. Parola di governatore.

REGGIO CALABRIA – Il governatore calabrese Scopelliti e l’assessore all’Agricoltura Michele Trematerra hanno illustrato, nel corso di una conferenza stampa, l’attività svolta dal governo regionale nel comparto agricolo calabrese nel corso dell’anno appena concluso.

''Nel 2011 abbiamo ottenuto risultati importanti per l'agricoltura e in un settore strategico per la Calabria - ha detto Scopelliti. “All’impegno straordinario che abbiamo messo in campo per l’agricoltura - ha continuato il presidente - hanno fatto riscontro risultati molto positivi, con ricadute dirette ed importanti per il territorio. Anche nel rapporto annuale di Bankitalia emergono alcuni dati significativi per il comparto agricoltura. E lo stesso ministro delle Politiche agricole, Catania, ha citato la Calabria come una delle regioni che hanno speso bene nel settore dell’agricoltura. Siamo riusciti, dunque, a dare una risposta molto positiva agli agricoltori calabresi''.

Secondo i dati, nel 2011 sono state stanziate risorse per complessivi quattrocento milioni di euro a livello regionale. “Un grande risultato – è il commento di Scopelliti - che dimostra come le scelte fatte siano quelle giuste ed è giusto che i calabresi ne abbiano piena coscienza”.

Il presidente, in particolare, ha sottolineato che “è il risultato del lavoro di squadra fatto ed è la dimostrazione che se c’è una capacità di mettere in campo azioni positive e di dare risposte al territorio, si possono raggiungere risultati importanti”. Scendendo nel dettaglio, il governatore riferendosi ad Arssa, Afor, Comunità montane e Consorzi di bonifica ha detto che si tratta di un settore che va complessivamente ridisegnato.

“Nel bilancio approvato anche stavolta nell’anno corrente, fatto questo che rappresenta un successo per la Calabria, abbiamo voluto dare un ulteriore attenzione al mondo agricolo inserendo un finanziamento di tre milioni e mezzo di euro – ha detto Scopelliti. “Questi dati, anche se non fanno notizia, perché ciò che si fa di positivo non ottiene le prime pagine dei giornali, rappresentano ugualmente un fatto importante a dimostrazione che su questo non siamo secondi a nessuno e siamo in grado di spendere dando dei risultati significativi. E’ in atto un'azione che ci porta ad immaginare che anche per il prossimo anno saremo una regione in grado di dare una risposta importante”.

Scopelliti ha parlato anche dell'export. “Si tratta - ha detto - di un settore nel quale abbiamo fatto passi da gigante. Fino a poco tempo fa la Calabria occupava una parte minuscola del mercato estero ed oggi, invece, abbiamo conquistato nuovi spazi. Questi successi dimostrano che la Calabria, anche in un momento di crisi e di difficoltà in cui le lacrime ed il sangue sono dovunque e non soltanto nella sanità, con un bilancio che ha settanta milioni di euro in meno con i danni incalcolabili che ne derivano, si sta muovendo con grande sensibilità ed oculatezza”.

Per l’assessore Trematerra sono stati raggiunti gli obiettivi previsti nell'agricoltura per le risorse comunitarie “spendendo addirittura più di quanto eravamo tenuti a fare e facendo in modo che le risorse vadano direttamente agli agricoltori. Questo è un obiettivo che ci pone al passo con le altre regioni. Ai centosessanta milioni erogati col Programma di sviluppo rurale bisogna aggiungere l’erogazione di duecento milioni per quanto riguarda la domanda unica in agricoltura. Si arriva così a qualcosa come quattrocento milioni di euro di fondi liquidati''.

Anche Trematerra ha accennato alle leggi di riforma di Arssa ed Afor, all’esame del Consiglio regionale. L’agricoltura è un settore che non soltanto è il presente, ma rappresenta anche il futuro della Calabria. Nel 2010 l’agricoltura calabrese ha segnato un trend positivo, con una crescita del 4,7 per cento del Pil. Relativamente ai prodotti a marchio di qualità, su cui la Regione punta moltissimo, importanti conferme sono arrivate con il riconoscimento delle denominazioni geografiche dei prodotti quali l’Igp patata della Sila, la liquirizia di Calabria Dop, l’Igp fico dottato di Cosenza; l’Igp limone di Rocca Imperiale (in fase di pubblicazione).

L’assessorato regionale all'Agricoltura sta inoltre fortemente investendo per raggiungere il riconoscimento dell’Olio Igp Calabria, del peperoncino di Calabria Igp e del pecorino crotonese Igp. L’istituzione dell’Enoteca regionale “Casa dei vini di Calabria” e dell’Elaioteca regionale “Casa degli oli extravergine di oliva di Calabria”, rappresenta inoltre uno strumento di valorizzazione e promozione di queste importantissime produzioni regionali.