Beta version

Biodinamica, unica agricoltura in crescita

14/09/2017 | Agricoltura
Nonostante la crisi, si stima una crescita del 20%

La biodinamica rafforza i terreni, li rende più fertili, più resistenti alla siccità e al dissesto idrogeologico. E non solo: il modello agricolo attuato dalla biodinamica crea aziende più forti sul mercato a cominciare dai prezzi, perché i prodotti biodinamici sono pagati al produttore di più rispetto ai convenzionali (es: il latte bio 70/50 cent litro - latte convenzionale 30 cent litro), garantendo una stabilità complessiva maggiore delle aziende biodinamiche. Sarà anche per questa ragione che l’agricoltura biodinamica si sta delineando come uno dei settori più promettenti per il futuro dell’agricoltura made in Italy, l’unica che resiste alla crisi e che in controtendenza registra un incremento del 20% nell’ultimo anno, le convinzioni della Associazione per l’agricoltura biodinamica.

Ed è vero che la crescita viene testimoniata anche dalla straordinaria partecipazione al SANA edizione 2017 a Bologna, dove sono triplicate le aziende espositrici nell'area. E se all’estero aumenta la domanda di prodotto biodinamico italiano, ormai ben oltre l’offerta, i nostri produttori intendono vogliamo mettere la basi per organizzare i rapporti con la domanda e rafforzare l’organizzazione per rispondere a questa opportunità.

La biodinamica rappresenta sempre più una prospettiva concreta per far ripartire l’economia del Paese, per creare nuovi posti di lavoro e per difendere il territorio. Nel mondo ci sono più di 2 milioni di ettari coltivati in modo biodinamico e certificati, ma sono molto più numerose le aree agricole dove si produce secondo le pratiche agronomiche biodinamiche. L’Italia è al terzo posto (dopo Germania e Francia) tra i Paesi europei per superficie destinata all’agricoltura biodinamica e conta oltre 4.500 aziende che ne applicano le tecniche, tra cui alcune grandi realtà: ad esempio, è coltivata con i metodi biodinamici una delle più grandi aziende biologiche europee, così come la più grande azienda agricola in assoluto del Molise è oggi biodinamica. Più del 50% di quanto raccolto e trasformato in Italia viene esportato in Giappone, USA e Scandinavia.