Beta version

Bergamotto, rinascita produttiva

30/11/2016 | Agricoltura
Il bergamotto è l’agrume più redditizio che abbiamo in Italia.

Tempo di rinascita per il bergamotto, il tipico agrume che si coltiva nei cento chilometri di costa reggina, proprio sulla punta dello StivaleIn meno di dieci anni, le vendite sono decuplicate ed i prezzi al produttore raddoppiati anche grazie alla costituzione dell’Op Unionberg che con i suoi oltre 300 produttori associa il 70% della produzione locale.

E’ servita soprattutto una massiccia azione di export, promosso dall’organizzazione di produttori ma anche l’ingresso nella Gdo. E l’Op non esclude neanche la richiesta di apertura di un presidio Slow foodNel pieno della campagna dell’agrume, le previsioni degli esperti sono quelle di arrivare a circa 60mila chili di olio essenziale che viene ricavato dalla trasformazione del prodotto fresco e che trova impiego massiccio, tra le altre cose, nell’industria profumiera. Ma cresce sempre di più, grazie all’apertura dei canali della grande distribuzione, anche il prodotto venduto per uso fresco che ha notevoli proprietà benefiche, essendo un rimedio naturale contro il diabete, il colesterolo e altre malattie cardio-vascolari.

Il bergamotto è l’agrume più redditizio che abbiamo in Italia. Quest’anno il prezzo al produttore raggiunge un euro al chilo anche grazie alla concentrazione dell’offerta realizzata con Unionberg e per il conferimento alla trasformazione i prezzi sono passati dai 28 euro a quintale di qualche anno fa ai 60 di quest’anno.

Solo nel 2015, sono state piantate in tutta la provincia di Reggio Calabria, 40mila nuove piante, prevalentemente nella zona della bassa jonica che anche in questa campagna ha dimostrato di resistere meglio all’altalenarsi dei carichi produttivi legati alle caratteristiche proprie della pianta ma anche alle virosi che derivano dal troppo caldo degli ultimi tempi.

photo credit to bergacal.it