Beta version

Alla Statale la seconda edizione di Cime a Milano

05/12/2017 | Realtà locali
Organizzano Università di Milano, Università della Montagna di Edolo e CAI

Stimolare e accelerare la competitività dei territori montani attraverso la ricerca, l'innovazione, il networking e il coinvolgimento dei giovani. Sarà questo il tema della seconda edizione di "Cime a Milano", che l'Università degli Studi di Milano con l'Università della Montagna con sede a Edolo (BS) e il Club alpino italiano organizzano lunedì 11 e martedì 12 dicembre presso la sede dell'Ateneo milanese in via Festa del Perdono, 7.

In occasione della Giornata Internazionale delle Montagne e in linea con gli obiettivi dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, lunedì 11 dicembre, a partire dalle 11, cento studenti e i relativi docenti provenienti da tutta Italia parteciperanno a "Mountain Hack", la prima maratona progettuale dedicata alla montagna, organizzata dal MIUR in collaborazione con Unimont. I ragazzi e i docenti lavoreranno insieme, divisi in dodici gruppi, con l'obiettivo di creare modelli, soluzioni e prototipi per affrontare in maniera innovativa il tema dello sviluppo, della valorizzazione e della tutela degli ambienti montani. I progetti verranno consegnati dai gruppi il giorno successivo per essere valutati da una commissione e premiati.

Il pomeriggio (ore 14.30, Aula Magna) in programma il convegno "I rifugi alpini del CAI: protagonisti a confronto", dedicato alla loro storia e ai progetti futuri, con un excursus sull'evoluzione delle dinamiche di accoglienza dal punto di vista delle Sezioni del Club alpino italiano proprietarie, dei gestori e dei frequentatori. Saranno portate testimonianze dirette da parte di giovani gestori e la Sezione di Milano racconterà la propria esperienza relativa ai quindici rifugi di sua proprietà.

Seguirà alle 19.30 la presentazione della rassegna "racCONTA LA MONTAGNA", dedicata alla saggistica e alla narrativa delle terre alte, che proseguirà per tutto il 2018 con incontri mensili presso Unimont. Sarà questa l'occasione per la presentazione del libro "La lezione del freddo" (ed. Einaudi), alla presenza dell'autore Roberto Casati.

Martedì 12 dicembre (ore 10, Aula Magna) sarà lanciato il progetto Italian Mountain Lab delFISR (Fondo integrativo speciale per la ricerca del MIUR), che vede Unimont - Università degli Studi di Milano, Università degli Studi del Piemonte Orientale e Università degli Studi della Tusciaimpegnate nella creazione di una piattaforma comune per favorire la collaborazione e lo scambio tra le reti di ricerca e innovazione attive per le montagne a livello nazionale ed internazionale.

Dalle 11.50 alle 15.15 le principali reti nazionali e internazionali che si occupano di montagna porteranno a Milano la propria esperienza: tra esse la neonata EUMA, rete dei Club alpini europei che intende rappresentare un valido interlocutore con l'Unione Europea partecipando ai processi decisionali sulle questioni di interesse per la montagna e i suoi abitanti, NEMOR, Euromontana, ISCAR, EUSALP, la Rete Europea dei Musei della Montagna, la Convenzione delle Alpi, il Club Arc Alpin e la Rete per la conservazione del patrimonio delle montagne (Pro Patrimonio Montano).