Beta version

Alimentare sempre più presente nell'e-commerce

06/12/2016 | Visioni
La tecnologia aiuta l'enogastronomia, ordini via tablet in crescita

Cresce il peso del settore food nell’e-commerce. L’incremento è del 30% nel 2016 rispetto allo scorso anno, e oggi il settore vale ben 575 milioni di euro. Lo segnala lo studio dall'Osservatorio eCommerce B2C, giunto alla sedicesima edizione e promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano.

Nonostante la crescita in linea con la media di mercato dei prodotti (+32%), il Food&Grocery  in valore assoluto incide ancora marginalmente (3%) sul totale mercato eCommerce B2c italiano, pari a quasi 20 miliardi di euro. Gli acquisti via Smartphone nel settore raddoppiano e raggiungono quota 100 milioni di euro, pari al 17% del totale eCommerce del comparto (25% se si aggiungono gli acquisti via tablet).

Sono tre i segmenti che si possono identificare all'interno dell'alimentare online:

  • il Grocery alimentare, ossia prodotti alimentari da supermercato;
  • l'Enogastronomia, ossia prodotti gastronomici e alcolici (vino, birra, liquori e distillati);
  • la Ristorazione, ossia cibo pronto.

Gli acquisti Grocery alimentare valgono nel 2016 ben 188 milioni di euro, in crescita del 40% rispetto al 2015. Si tratta prevalentemente della spesa sui siti eCommerce dei supermercati tradizionali con consegna al piano. L'Enogastronomia cresce nel 2016 "solo" del 17% ma, con un valore di poco superiore ai 240 milioni di euro, si conferma il primo segmento per valore degli acquisti. La Ristorazione cresce nel 2016 del 29% e raggiunge i 90 milioni di euro.

L'Enogastronomia cresce del 17% e con un valore di poco superiore ai 240 milioni di euro rappresenta ancora il 47% del valore dell'Alimentare Online, la spesa Grocery sui siti eCommerce dei supermercati tradizionali con consegna a domicilio cresce del 40% e vale 188 milioni. Nel Food&Grocery la componente principale - in termini di valore degli acquisti - è rappresentata dall'Alimentare, pari al 90% del comparto, per un valore di 519 milioni di euro, in crescita del 27% rispetto al 2015.

La componente Health&Care pesa per il restante 10%. L'Alimentare è a sua volta composto per oltre il 90% dall'acquisto di prodotti Food e per meno del 10% dal Wine. In particolare, nel Food il 60% della domanda si riferisce all'acquisto di prodotti "secchi" (ossia confezionati, incluso il caffè), il 31% ai "freschi" (prodotti a temperatura controllata, incluso il cibo pronto), il 7% alle "bevande" e il restante 2% ai "surgelati".