Beta version

Alimentare, l'industria porta in alto il Made In Italy

14/05/2019 | Agricoltura
Il food&beverage costituisce il secondo settore manifatturiero in Italia

Itaia, paese dalla ricchissima tradizione alimentare. Ma l’alimentare è anche un settore economico piuttosto importante, che produce un fatturato che supera i 140 miliardi di euro, di cui quasi 35 derivanti dalle esportazioni, impiega oltre 56mila imprese e lascia intravvedere un trend in continuo aumento. Nel 2018 ha fatto registrare un +2,8% rispetto al 2017 e un +25,2% rispetto al 2013.

Il food&beverage costituisce dunque il secondo settore manifatturiero in Italia. Lo scenario è emerso dal Rapporto sull’Industria alimentare in Italia, stilato dalla Luiss Business School e presentato a Roma in occasione del 1° Convegno di Federalimentare “Industria alimentare: cuore del Made in Italy”.

Significativa la performance della Dop economy che, con 200mila imprese, detiene quasi un terzo delle Indicazioni Geografiche (822 denominazioni Dop Igp e Stg su 3mila circa nel mondo) per un valore di 15 miliardi alla produzione e di 8,8 miliardi all’export, pari al 18% del valore complessivo del settore e al 20% del totale delle esportazioni.