Beta version

Al via gli incontri per rilanciare l’agricoltura sarda

28/11/2012 | Realtà locali
Finalmente c'è stata la riapertura del tavolo di concertazione con l’assessore dell’Agricoltura.

Copagri Sardegna giudica positivamente la riapertura del tavolo di concertazione con l’assessore dell’Agricoltura - sottolinea Ignazio Cirronis, presidente regionale dell’organizzazione all’indomani del tavolo tenuto tra la Regione e le maggiori associazioni di categoria su alcuni dei maggiori problemi del comparto, quali il prezzo del latte ovicaprino e l’attuazione di alcuni importanti articoli della legge regionale 15 del 2010. “L’assessore ha condiviso molte delle analisi e proposte avanzate dalle organizzazioni”.

DECISIONI - Il tavolo ha deciso di programmare un incontro tra le parti in causa per approfondire gli aspetti legati al mercato nel comparto lattiero-caseario in modo che si arrivi a un sereno confronto sul prezzo del latte per la prossima campagna.

Su questo punto, Copagri auspica che si possa costituire, nell’interesse dell’intera filiera, un’Organizzazione Interprofessionale con il compito, sin da subito, di condividere un contratto-tipo di fornitura e una griglia regionale per il pagamento del latte secondo qualità, con particolare riferimento alla resa. Il tavolo ha anche previsto la convocazione di un’assemblea dei caseifici sociali per ricercare insieme a loro nuove ipotesi organizzative con l’obiettivo di superare i punti di debolezza che oggi registra la cooperazione.

In merito al Consorzio di tutela del pecorino romano, Copagri ha sottolineato l’esigenza che questi provveda a programmare l’offerta di formaggio come previsto dalla nuova legislazione comunitaria e a fornire i dati sulla reale produzione nella campagna trascorsa.

Su indicazione delle organizzazioni, infine, l’assessore Oscar Cherchi si è impegnato a implementare l’Osservatorio ovicaprino e a nominare il Comitato di indirizzo , già previsto, per una migliore programmazione delle sue attività in funzione di una diffusa e oggettiva conoscenza del comparto.