Beta version

Agrumi, in Puglia colpisce la Tristeza

08/11/2016 | Realtà locali
Non solo la xylella, a minacciare l’agricoltura

Non solo la xylella, a minacciare l’agricoltura. In Puglia, infatti, dove si producono un milione e 100mila quintali di arance, mandarini e clementine di eccellente qualità, c’è grande preoccupazione per la “Tristeza degli agrumi”. Al pari della xylella, si tratta di una malattia letale per le piante colpite, che prima vede la deformazione dei frutti e poi la morte dell’albero. Il virus ha origini asiatiche e in provincia di Taranto, a Ginosa, Palagianello e nella zona, in soli 5 anni, ha determinato una riduzione del 17% nell’estensione degli agrumeti (2mila ettari) con un conseguente calo produttivo.

L’allarme arriva dai produttori in quanto l’Osservatorio fitopatologico della Regione Puglia ha individuato nel territorio le aree focolaio nella provincia di Taranto colpita dal virus in misura notevole. Di fatto la regione convive da anni con questa virosi altrettanto incurabile, appartenente al gruppo delle Closterovirusche, che si diffonde per innesto o afidi dei limoni. Già nel 2013 dalle aree contaminate (entro 500 metri dagli alberi infetti), è fatto divieto a chiunque di prelevare materiale di propagazione di agrumi, “sino a quando ripetuti saggi abbiano dato esito negativo per almeno tre anni e l’area contaminata si possa dichiarare decontaminata” si legge nelle direttive regionali.