Beta version

Agroalimentare, l'Italia esporta di più

06/07/2016 | Agricoltura
Il deficit della bilancia agroalimentare è sceso, per la prima volta negli ultimi 25 anni, sotto i 5 miliardi

Performance positiva, anche nel 2015, per il commercio con l’estero dell’agroalimentare italiano, che registra un incremento del 7,4% dell’export (37,2 miliardi di euro nel 2015) e del 2% dell’import (42 miliardi di euro). Tale dinamica ha prodotto una riduzione del deficit della bilancia agroalimentare, che è sceso, per la prima volta negli ultimi 25 anni, sotto la soglia dei 5 miliardi di euro (-4.782 milioni), per un miglioramento del saldo di 1,73 miliardi di euro rispetto al 2014.

Lo certifica il CREA, con il suo centro di Politiche e bioeconomia, nel rapporto Commercio con l’estero dei prodotti agroalimentari, presentato in occasione dell’evento Il commercio agroalimentare dell’Italia e il made in Italy – presentazione del Rapporto CREA, organizzato da ICE e CREA in collaborazione con ISMEA.

L’export è stato trainato dall’aumento dei volumi esportati (+9,3) a fronte di una diminuzione dei prezzi (-1,8%). La crescita dell’import, invece, è dovuta all’aumento dei prezzi (+4,5%) a fronte di una flessione dei volumi importati (-2,4%). Il valore delle esportazioni (37,2 miliardi di euro) è ripartito in 6,6 miliardi per il settore primario (in particolare frutta fresca e legumi e ortaggi freschi), in 23 miliardi per l’industria alimentare (tra cui derivati dei cereali, prodotti lattiero-caseari, ortaggi trasformati e oli e grassi) e in 7,4 miliardi per quello delle bevande (principalmente vino). Dal lato delle importazioni (42 miliardi), 14 miliardi riguardano il settore primario, 26 miliardi l’industria alimentare e 1,5 miliardi quello delle bevande.

Anche nel 2015 il nostro principale partner commerciale per l’export agroalimentare è l’area dell’UE28 (65,7%), seguito da Nord America (11,8%), Paesi Asiatici non mediterranei (8,1%) e gli Altri Paesi Europei non mediterranei (6,3%).

Le esportazioni del Made in Italy, che coprono il 74% circa del totale agroalimentare, hanno raggiunto il valore di 27,4 miliardi di euro circa, con un incremento del 7,1% rispetto al 2014 legato all’aumento sia dei prezzi sia delle quantità. In particolare il Made in Italy agricolo (tra cui mele, uva da tavola e kiwi) si è attestato su 4,2 miliardi di euro circa, il Made in Italy trasformato (i cui principali comparti sono il vino confezionato, il pomodoro trasformato, i formaggi, i salumi e l’olio d’oliva) su 15,5 miliardi e Made in Italy dell’industria alimentare (tra cui pasta, prodotti da forno e prodotti dolciari a base di cacao) su 7,7 miliardi di euro.

photo credit to improntaunika.it