Beta version

Agroalimentare, cresce il valore dell'export italiano

23/05/2016 | Agricoltura
Risultato economico negativo per gli agrumi (-13,6%) e positivo per tutti gli altri comparti

Il report di FruitImprese evidenzia come nel primo bimestre del 2016 sia proseguito il trend positivo delle esportazioni italiane, cresciute in volume (8,2%) ed in maniera meno consistente in valore (3,2%). Le importazioni, dal canto loro, crescono del 6,4% in volume e del 9,4% in valore. Il saldo attivo è di circa 244 milioni di euro con una riduzione dell’8,3% rispetto al primo bimestre del 2015.

Complessivamente, a gennaio e febbraio, l’Italia ha esportato oltre 731 mila tonnellate di prodotti per un valore di 789 milioni di euro. In quantità segno positivo per tutti i comparti: frutta fresca (4,4%), ortaggi (13,4%), agrumi (11,4%) e frutta secca (1,5%). In valore, andamento negativo solo per gli ortaggi (-4,2%) mentre sono aumentati la frutta fresca (6,5%), gli agrumi (20,9%) e la frutta secca (1,3%).

Per quanto riguarda le importazioni, l’Italia ha acquistato circa 542 mila tonnellate di ortofrutticoli per un valore di 545 milioni di euro.

Tra i singoli comparti segno positivo in volume per la frutta fresca (0,4%), gli ortaggi (15,6%), la frutta secca (33,5%) e la frutta tropicale (2,7%) mentre si registra una sostanziale diminuzione degli agrumi (-25,8%). Risultato economico negativo per gli agrumi (-13,6%) e positivo per tutti gli altri.