Beta version

Agricoltura, continua la lotta al caporalato

15/04/2016 | Agricoltura
E' una piaga che stiamo combattendo senza sosta e con tutti gli strumenti a disposizione

La lotta alla piaga del caporalato si conferma essere una priorità dei nostri tempi. «Le operazioni portate a termine a Brindisi e nella Piana di Gioia Tauro si inseriscono nel piano di rafforzamento dei controlli in tutto il territorio nazionale con focus sulle zone più esposte al fenomeno». Lo ha detto il ministro Martina, riferendosi all’operazione interforze coordinata dalla Procura di Reggio Calabria.

Martina non lascia dubbi; «il caporalato è una piaga che stiamo combattendo senza sosta e con tutti gli strumenti a disposizione, chiedendo la fattiva collaborazione di istituzioni, imprese, associazioni e sindacati», ha detto.

Secondo il ministro «serve fare ancora di più e approvare rapidamente la proposta di legge contro il caporalato in agricoltura, ora all'esame del Senato ma nel frattempo abbiamo avviato con il ministro Poletti il lavoro per i piani di intervento e di accoglienza per i lavoratori stagionali». Contrastare il lavoro nero e i ghetti che si creano, conclude Martina, «è un nostro dovere, nessuna impresa deve poter pensare di fare margine abbassando il livello di garanzie per chi lavora; si tratta di una battaglia di civiltà che ci deve vedere tutti coinvolti, i diritti dei lavoratori non sono negoziabili, vanno rispettati».

photo credit to foodfirst.org