Beta version

Lavoro, firmati i primi 13 accordi per cig in deroga

04/03/2013 | Normativa
Il Ministro Fornero firma gli accordi per gli ammortizzatori in deroga.

Mentre il ministro del Lavoro delle politiche sociali, Elsa Fornero, annuncia il suo probabile addio all’Italia per andare a lavorare in Germania presso il Max Planck Institute di Monaco di Baviera, nel contempo firma gli accordi per gli ammortizzatori in deroga con l'assegnazione delle risorse finanziarie ad Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria, nonché alla Provincia Autonoma di Trento.

I rimanenti accordi saranno firmati non appena sottoscritti dai rispettivi assessori. Nel corso di un incontro con Gianfranco Simoncini, coordinatore della commissione lavoro della Conferenza dei presidenti delle Regioni, il ministro Fornero aveva infatti informato le regioni di aver stabilito l’avvio all’uso delle risorse per gli ammortizzatori sociali in deroga relativi all’anno 2013, mano a mano che saranno sottoscritti i verbali di accordo con le singole Regioni.

Sulla base di tali verbali, all’Inps è consentito di effettuare i pagamenti. Partono pertanto i primi tredici accordi, mentre i rimanenti saranno sottoscritti non appena saranno firmati dai rispettivi assessori. Per quanto riguarda il 2012 – sarebbero circa 100mila i lavoratori interessati al blocco dei pagamenti - il ministero ha deciso di rendere disponibili fondi per circa 180 milioni di euro entro i quali autorizza l’Inps a erogare, fino a un massimo di due mensilità, le prestazioni decretate successivamente al 31 dicembre 2012.

I fondi costituiscono il residuo di risorse non ancora impiegate nel quadriennio 2009-2012