Animali, Aidaa. Tornano le ronde anti abbandono per questa estate

Tornano le ronde anti abbandono di Aidaa per il recupero dei cani in autostrada per la prossima estate. "Le ronde saranno organizzate in proprio dall'associazione ed opereranno sulle autostrade italiane a partire dal 26 luglio fino al 1 settembre 2013. Nelle prossime settimane saranno rese note le funzioni operative sia di come contattare le ronde, sia la mappa delle autostrade dove saranno presenti".

Tornano le ronde anti abbandono di Aidaa per il recupero dei cani in autostrada per la prossima estate. "Le ronde saranno organizzate in proprio dall'associazione ed opereranno sulle autostrade italiane a partire dal 26 luglio fino al 1 settembre 2013. Nelle prossime settimane saranno rese note le funzioni operative sia di come contattare le ronde, sia la mappa delle autostrade dove saranno presenti".

Cosi' Aidaa-Associazione italiana difesa animali ed ambiente in una nota. Invece, "parte da subito il reclutamento dei volontari che potranno dare la loro disponibilita' inviando i propri dati esclusivamente via email, accompagnati dalla fotocopia di un documento di identita' all'indirizzo di posta elettronica ronda.aidaa@libero.it- spiega Aidaa- le ronde opereranno sulle autostrade italiane ed avranno il compito di recuperare i cani abbandonati che saranno segnalati.

"Siamo stati fermi per un anno, ma abbiamo deciso di rilanciare da quest'anno il servizio delle ronde anti abbandono di Aidaa per il solo mese di agosto, purtroppo con la crisi e dopo alcuni anni in cui gli abbandoni erano in forte diminuzione, questi sono tornati ad aumentare e non poco- dichiara Lorenzo Croce presidente nazionale dell'associazione- per questo motivo con uno sforzo notevole abbiamo deciso di tornare in campo, ci aspettiamo l'iscrizione di molti volontari che mettano a disposizione il loro tempo e la loro passione ed il loro amore per salvare i cani che abbandonati in autostrada finiscono per morire investiti nel 95% dei casi,  e che inoltre provocano incidenti stradali a volte mortali anche per coloro che si trovano in viaggio".