A gonfie vele l’agroalimentare online

Il primo mercato agricolo online continua la propria corsa al ritmo di cassette di frutta, verdura e prodotti freschi locali consegnati a domicilio, raggiungendo importanti traguardi che pongono le basi per proseguire una crescita a doppia cifra. Dopo aver chiuso il 2015 con un fatturato pari a 3,1 milioni di Euro, Cortilia si propone oggi sul mercato di Milano con un nuovo servizio che garantisce la consegna

Il primo mercato agricolo online continua la propria corsa al ritmo di cassette di frutta, verdura e prodotti freschi locali consegnati a domicilio, raggiungendo importanti traguardi che pongono le basi per proseguire una crescita a doppia cifra. Dopo aver chiuso il 2015 con un fatturato pari a 3,1 milioni di Euro, Cortilia si propone oggi sul mercato di Milano con un nuovo servizio che garantisce la consegna in 1 giorno.

La modalità di acquisto non cambia: frutta e verdura di stagione, oltre a una sempre più ampia varietà di prodotti freschi come carne, formaggi, yogurt, uova, pasta, pane, succhi di frutta e birre artigianali, vengono ordinati online (sul sito o tramite l’app), per poi essere recapitati a domicilio all’interno di una cassetta pensata appositamente per preservarne fragranza e sapore.

E ora, non sarà più necessario programmare la spesa con largo anticipo per il clienti del mercato di Milano: ogni ordine effettuato entro le 18.00 verrà infatti consegnato il giorno immediatamente successivo e senza differenze di prezzo. Come per il servizio tradizionale, è possibile scegliere la fascia oraria preferita per la consegna, tra le 9.00 e le 21.30. L’idea di Cortilia è nata ascoltando i consumatori; lanciata commercialmente nel 2012, Cortilia oggi è presente in 11 città italiane in Lombardia (Milano, Monza e Brianza, Varese, Como, Pavia, Lodi e Bergamo), Piemonte (Novara e Torino) ed Emilia-Romagna (Bologna e Modena).

Dopo aver chiuso il 2015 con un fatturato di 3,1 milioni di Euro, Cortilia sta continuando a crescere a doppia cifra mese su mese, tanto da essere arrivata a registrare il 30% di utenti in più rispetto ai primi nove mesi dello scorso anno. Un successo sostenuto anche dalla crescita della rete di produttori locali, oggi arrivati circa a 100 grazie all’apertura di nuovi mercati e all’espansione di quelli esistenti, in grado di offrire un numero di referenze variabile fra 500 e 650, in base alla stagionalità dei prodotti.