A Cortona la migliore porchetta europea

Tra i migliori ristoranti del mondo ci sono anche sette ristoranti italiani che non sono quelli delle nostre guide più prestigiose ma,  addirittura,  un ambulante.

Tra i migliori ristoranti del mondo ci sono anche sette ristoranti italiani che non sono quelli delle nostre guide più prestigiose ma,  addirittura,  un ambulante.

Secondo il settimanale Newsweek sarebbero in tutto sette i ristoranti italiani degni di entrare a far parte della 'Europe 101 Best Place to Eat'. La classifica, redatta da alcuni tra i migliori chef mondiali, e' stata stilata per ogni continente. Per ognuno sono stati individuati 101 'luoghi' migliori per assaporare le delizie locali.

Luoghi, non necessariamente canonici ristoranti. Che si tratti di una classifica fatta non con i soliti criteri vi sono alcune stranezze nei risultati. Per quanto riguarda l’Italia, due dei sette 'best places' sono a Cortona (AR), di cui uno e' un camioncino della porchetta.

Uno strano caso di densita' se si considera che Senigallia (in cui i ristoranti di Moreno Cedroni e Mauro Uliassi distano appena una dozzina chilometri) non e' citata. Altra singolarità riguarda gli autori. Jamie Oliver, alfiere della sana alimentazione, colui che a trent'anni appena compiuti era stato incaricato dall'allora Primo Ministro britannico Tony Blair di combattere la crescente obesita' giovanile riorganizzando i menu delle mense scolastiche del Regno Unito, ha indicato a Bari un banchetto di polenta fritta 'deep-fat-fries'.

E ancora, i migliori spaghetti alla carbonara, secondo Tim Love, chef del Lonesome Dove Western Bistro' a Fort Worth, Texas, si mangiano al Caffe' Duomo di Firenze. Una classifica, questa, che sicuramente non tiene conto degli stereotipi culinari, che rompe le barriere tra qualita' e street food e che rimescola le carte sulla tavola della buona cucina.